/ Attualità

Attualità | 24 giugno 2023, 10:35

Civallero (FI) e il progetto del biodigestore: "L'oltranzismo di Borgo può causare danni economici a Cuneo"

Il capogruppo in consiglio comunale chiede alla sindaca Manassero una conferma ufficiale della propria posizione, visto il ribadimento di quella contraria della 'collega' Robbione

Franco Civallero

Franco Civallero

Forza Italia Cuneo ritiene di importanza fondamentale la realizzazione del biodigestore anaerobico che permetterà di chiudere il ciclo di rifiuti trasformando la frazione umida in composto di qualità, biologicamente più stabile, igienicamente più sicuro ed agronomicamente più umidificato oltre al biometano, trasformando un processo energivoro in una produzione di biocombustibile avanzato.

Lo scorso 9 maggio il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato il “piano rifiuti”, nel quale si dichiara che la Regione “promuove prioritariamente la valorizzazione o la riconversione dell’impiantistica di trattamento già esistente sul territorio regionale, privilegiando eventuali potenziamenti o ristrutturazioni degli impianti esistenti”; si tratta quindi della situazione nel quale si trova l’impianto di Borgo San Dalmazzo.

Sono stati definiti i costi da inserire a bilancio per l’investimento sulla base dell’aggiornamento, sia per la revisione progettuale che per l’incremento dei costi delle materie prime ed energia.

Dall’illustrazione tecnica da parte dei progettisti – interviene Franco Civallero - non sono emerse criticità rispetto all’ammodernamento dell’impianto esistente, sotto tutti i punti di vista, sia ambientale, sia paesaggistico, sia di compatibilità urbanistica, sia come impatto acustico, sia per l’interesse archeologico e per il rischio incendio. Anzi, nella revisione progettuale dell’impianto si è reso necessario l’inserimento di due “macchine” per il biocompositore da 25.000 t/anno che permettono una migliore gestione e modulazione dei quantitativi di rifiuto organico che verranno conferiti. Ricordo che – precisa Civallero – sarebbero enormi i costi di gestione e di ammodernamento che dovrebbero essere sostenuti sull’impianto attuale per mantenerlo, non efficiente, ma almeno funzionante, costi che potrebbero aumentare con il passare degli anni e che sì, questi graverebbero totalmente sulle tasche dei cittadini”.

Ritengo necessario che la Sindaca Manassero dichiari ufficialmente se conferma il “Si al biodigestore” e se non sia utile valutare controazioni legali nei confronti del ricorso al Tar presentato dalla sua collega di partito di Borgo San Dalmazzo, per evitare un danno economico per i suoi Cittadini”.

Mi sembrerebbe opportuno – conclude Franco Civallero – effettuare una passaggio negli uffici competenti regionali, con il coinvolgimento della Provincia, per capire le volontà di attivare un conferimento di tutti i consorzi provinciali presso l’impianto dell’Acsr, oltre alla valutazione della diminuzione di valore e dell’aumento dei costi per tutti i cittadini causata da un accanimento dei No ideologici dovuti al miope e poco lungimirante ritorno elettorale”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium