/ Attualità

Attualità | 25 giugno 2023, 15:40

Inaugurato a Chiusa di Pesio il pannello che testimonia l'attacco nazifascista dell'inverno 1944-45

L’iniziativa rientra nel progetto “Sentieri di Libertà”, curato dall’Associazione Partigiana Ignazio Vian col sostegno della Federazione Italiana Volontari della Libertà e la collaborazione del Parco Naturale Marguareis

Inaugurato a Chiusa di Pesio il pannello che testimonia l'attacco nazifascista dell'inverno 1944-45

E' stato inagurato ieri, sabato 24 giugno, con una breve cerimonia, il pannello informativo dedicato al ricordo dell'attacco nazifascista dell’inverno 1944- 1945 verso Bric Moriondo e Tetti Truna, nel comune di Chiusa di Pesio.

L’Associazione Partigiana Ignazio Vian - Centro culturale don Aldo Benevelli di Cuneo ha provveduto a collocare il pannell in località  “Colletto” San Bartolomeo.

La Presidente dell'Associazione Partigiana Claudia Bergia ha ricordato il dovere di fare memoria della Resistenza per attualizzarne i Valori di Pace, Giustizia e Uguaglianza. Il Sindaco di Chiusa Pesio Claudio Baudino e Il Presidente Piermario Giordano del Parco Aree Protette Alpi Marittime hanno portato il saluto delle rispettive amministrazioni.

Nel corso della cerimonia, il prof. Ernesto Billòd ell'Associazione Partigiana, autore del Pannello, ne ha letto il testo che recita:

“Circa un anno dopo la Battaglia di Pasqua sopra Certosa di Pesio, nel febbraio-marzo del 1945 ci furono altri attacchi e contrattacchi di nazisti e brigatisti neri in VallePesio, nelle valli vicine e in pianura. Reparti repubblichini delle Divisioni Monte Rosa e Littorio tentarono più volte di risalire in Valle Pesio. Ripetutamente respinti, rastrellarono borgate e casolari e attaccarono nella zona del Colletto. Proprio qui al Colletto furono sorpresi da colpi di mitra e di moschetto  sparati dai due soli uomini allora presenti: Luciano Bergia e un compagno convalescente. Accorsero poi in loro sostengo altri partigiani dai Tetti Mauri dove avevasede la formazione comandata da Aldo Sacchetti. Ancora giorni drammatici di attacchi per i partigiani e per i civili, ma la Liberazione era ormai prossima."

Un'associata ha poi dato lettura di una brevissima biografia di Luciano Bergia Partigiano a 17 anni nelle formazioni "R" Rinnovamento: "Nato a Busca (CN) il 18 maggio 1926 da una famiglia povera, il papà carrettiere e la mamma che faceva lavori occasionali. Dei cinque figli tre muoiono piccolissimi. Restano Luciano e la sorellina Angela di 6 anni più giovane."

"Il papà di Luciano aveva rifiutato la tessera del fascismo. In casa c'era sempre poco o nulla da mangiare.  Luciano per aiutare la famiglia va a lavorare nei campi. A 17 anni consegue la licenza elementare per arruolarsi volontario in Marina. L'8 settembre lo sorprende a Lucca. Rientra a Busca e con alcuni amici decide di salire in montagna. Tra i partigiani della Valle Pesio prende il nome di battaglia "la Liana" perchè alto e magro. Dopo la Battaglia di Pasqua del 1944 e il ritiro a Carnino in Valle Tanaro, viene dato l'ordine di disperdersi perchè una spia aveva tradito i partigiani. Luciano torna a casa ma anche a Busca i partigiani vengono traditi. Luciano scappa da una finestra sul retro ma dimentica sulla mensola del caminetto la rivoltella. La Madre se la nasconde in seno e  tenendo per mano la piccola Angela risponde ai fascisti di non avere più notizie del figlio da tanto tempo. Luciano raggiunge i partigiani nelle Valli Corsaglia e Ellero."

L’iniziativa rientra nel progetto “Sentieri di Libertà”, opuscolo che riporta i pannelli informativi realizzati per promuovere gli itinerari della Resistenza nelle Valli Pesio ed Ellero, pubblicato dall’Associazione Partigiana Ignazio Vian, con il sostegno della Federazione Italiana Volontari della Libertà e la collaborazione del Parco Naturale Marguareis, con materiale tratto dall’archivio personale di don Aldo Benevelli di cui ricorrono quest’anno i 100 anni dalla nascita.

c.s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium