/ Choconews

Choconews | 12 agosto 2023, 06:00

Torta di nozze al cioccolato

Buona estate a tutti con la lettura di un bel libro e un dolcetto di cioccolato, che migliora l’umore con la feniletilammina, la stessa molecola che il nostro cervello scatena quando siamo innamorati. Lettura e cioccolato: la ricetta della felicità

Torta di nozze al cioccolato

 

 

Il taglio della torta è il momento più suggestivo della cerimonia nuziale, con la sposa che tiene il coltello, mentre lo sposo posa le mani su quelle di lei, tra applausi e flash dei fotografi. Immancabile in qualunque luogo e modo sia organizzata la festa.

Nell’Antica Grecia la torta era un semplice impasto a base di farina, miele e semi di sesamo che nella cultura ellenica erano augurio di fecondità.

Nell’Antica Roma con miele, frutta e farina si preparavano dolcetti rustici che venivano sbriciolati sulla testa della sposa in segno di abbondanza e prosperità. Da questa usanza avrebbe avuto origine il rito del lancio del grano, sostituito in seguito dal riso.

Nel Medioevo, e precisamente nel Regno Unito, nasce la tradizione di impilare i dolcetti fino a formare una piccola montagna. Il bacio degli sposi doveva avvenire proprio in cima alla colonna di dolci, se fosse rimasta intatta anche dopo il bacio, il matrimonio sarebbe stato lungo e felice.

Oggi la torta nuziale, rotonda come gli anelli che rappresentano l’amore senza inizio e fine, è composta da più strati e rivestita di glassa bianca, con decorazioni in pasta di zucchero o decorata con fiori freschi, nastri colorati e gli sposini in cima.

La torta a più piani, tutta al cioccolato, ricoperta di panna, pasta di zucchero o frutta stagione, farà esultare gli amanti del cacao e sarà un auspicio gradito. Non dimentichiamo che il cibo degli dei ha poteri afrodisiaci ed è sinonimo di piacere e godimento.

Presso gli Aztechi e i Maya il cioccolato occupava un posto d’onore nelle cerimonie di fidanzamento e nei matrimoni. Oltre ad essere usati per preparare una bevanda tonificante, dal gusto squisito, i semi di cacao, che erano anche una forma di moneta, venivano scambiati tra gli sposi.

Miguel Ángel Asturias, scrittore guatemalteco (1899-1974), nel suo epico “Uomini di mais” ricorda la cioccolata nuziale:

"Cercò la pomata contro le palpitazioni di cuore. Più che altro si trattava di peso sullo stomaco. Si stese un momento. Perché poi le piaceva tanto la cioccolata? Ma era così buona la cioccolata, quella dei matrimoni, quella dei battesimi... Le feste si celebrano con la cioccolata e le torte di uccellini”.

Per chiudere con un’altra citazione letteraria ecco la torta di nozze di Emma e Charles, da “Madame Bovary” di Gustave Flaubert:

“La base era costituita da un cartone quadrato azzurro, raffigurante un tempio con portici, colonnati, statuette di stucco disposte tutto intorno in nicchie costellate di stelle di carta dorata; al secondo ripiano v’era un torrione di pasta di savoiardi circondato da minute fortificazioni di angelica, mandorle, uva passa, spicchi d’arancia; infine sulla piattaforma superiore, costituita da un prato verde con rocce e laghi di marmellata ove navigavano barchette di gusci di nocciole, un Amorino si dondolava su un’altalena di cioccolata i cui pali di sostegno terminavano con due boccioli di rose fresche poste lì sopra a guisa di pomoli”.

Buona estate a tutti con la lettura di un bel libro e un dolcetto di cioccolato, che migliora l’umore con la feniletilammina, la stessa molecola che il nostro cervello scatena quando siamo innamorati. Lettura e cioccolato: la ricetta della felicità.

Cristiana Lo Nigro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium