/ Attualità

Attualità | 23 novembre 2023, 07:11

La violenza che non si racconta nelle nostre zone. L'avvocato Silvia Calzolaro: "Tantissimi maltrattamenti in famiglia"

Il legale e vicepresidente della fondazione Fidapa lancia un messaggio: "Denunciate, è il primo passo, ma potrebbe salvarvi la vita"

L'avvocato albese Silvia Calzolaro

L'avvocato albese Silvia Calzolaro

"Non avere paura, non sentirsi in colpa e denunciare senza trovare giustificazioni o cercare cause alla violenza, ma allontanandosi da essa. Denunciare, denunciare e denunciare. Le reti di protezione ci sono". Silvia Calzolaro, avvocato e vicepresidente della fondazione Fidapa, lancia un messaggio chiaro e forte. A pochi giorni dalla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e dall'incontro, che sempre il 25 novembre, la vedrà tra le relatrici nella sala Riolfo di Alba, nell'incontro dal titolo: "Voce al silenzio. Indagine sulla violenza di genere".

Da cosa partiamo?
"Da una situazione allarmante. Lo testimoniano i dati sui femminicidi che superano i numeri degli omicidi, lo testimonia l'ultima tragedia di Giulia Cecchetin e l'inasprimento del cosiddetto codice rosso".

La vicenda di Giulia ha lasciato sgomenti e alzato notevolmente l'attenzione.
"Ci sono diversi aspetti su cui riflettere. Tutti siamo potenziali vittime. Si tratta di un femminicidio anomalo, ci sono stati dei 'cosiddetti segnali sentinella', atteggiamenti oppressivi o patologici, ma non era possibile prevedere un finale così tragico senza che ci fosse stata un'escalation. Aggiungo che Giulia, 22 anni, era una persona molto intelligente e consapevole".

Quello che vuol dire è che non sempre c'è uno schema.
"Non sempre è facile accorgersi della violenza. Nella mia esperienza ho conosciuto tante donne sottoposte a violenze psicologiche, economiche, ricatti subdoli, anche di natura sessuale. Non è facile uscirne, essere lucidi o, a volte, avere il coraggio di mettere in discussione una famiglia. Uno schiaffo ricevuto a 20 anni ha delle conseguenze, uno schiaffo ricevuto dopo 5 anni di matrimonio e due figli può non averne. E con questo non sto giustificando la violenza che va sempre condannata, ma non è sempre tutto facile".

Le è mai capitato di seguire situazioni con finali tragici?
"Ho avuto a che fare con un femminicidio e due tentati femminicidi".

Come giudica la nostra zona?
"C'è un sommerso pazzesco di maltrattamenti in famiglia. Lo stalking ha un carattere, spesso, finale. Avviene quando è terminata una relazione o ci si è allontanati. Ci sono casi in cui, invece, la violenza è subdola, continua e ha anche dei picchi, ma non si ha la forza di denunciare. E non c'è un'età sola di riferimento. Ho avuto una cliente che è scappata dal marito a 80 anni. Le ho chiesto: 'Perché solo ora'? 'Perché ho sempre avuto la forza di prendere la borsa delle medicine e di scappare, ma ora le gambe non mi reggono più e mi avrebbe uccisa col bastone".

Vede qualche segnale positivo?
"Sì, ci sono più donne che denunciano e poi parlano di quello che è successo loro. La denuncia è solo il punto di partenza, il momento in cui raccogli tutti i segnali che hai avuto e incastri le tessere. Nel nostro incontro Alessandra parlerà del suo aggressore, che è stato condannato a 12 anni per violenza sessuale e della paura che ha avuto di morire".

Pensa che questi incontri con tante professionalità possano essere utili?
"Sì, perché possono convincere le donne a denunciare. Ci sono le forze dell'ordine, i centri antiviolenza, le avvocate specializzate, le reti ci sono. E bisogna avere il coraggio di allontanarsi dalla violenza, convincendosi che non sempre si può capire tutto. Io stesso di fronte a certi atti rimango senza parole e certezze, ma non bisogna mai abituarsi alla violenza e a una certa cultura che la fomenta".

In che senso?
"Un sorriso non è un invito, una minigonna non è un permesso o dà elementi per giudicare. Ci vuole il consenso e il rispetto ma da parte di tutti. Penso ancora alle domande che il mio collega avvocato fece ad Alessandra in tribunale. "Come era vestita e perché non ha opposto resistenza e non si è difesa? Il suo aggressore era un marcantonio di un metro e ottanta e lei era mingherlina".

Daniele Vaira

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium