/ Sport

Sport | 10 dicembre 2023, 09:14

A colloquio con Kevin Cristino, braidese Campione mondiale Enduro Youth

Ha vinto con una gara di anticipo il mondiale e partecipato al Trofeo delle Nazioni in Argentina nel team azzurro

A colloquio con Kevin Cristino, braidese Campione mondiale Enduro Youth

A Santiago do Cacem in Portogallo, teatro di una tappa prevista dal calendario iridato, il braidese Kevin Cristino si è laureato Campione del Mondo Enduro Youth 2023 con una gara d’anticipo.

Un campionato mondiale che si è sviluppato in 7 tappe con 14 gare nelle quali Kevin ha ottenuto ben 11 vittorie, assicurandosi il trionfo finale davanti al francese Leo Joyon.

Abbiamo cercato di conoscere meglio questa specialità motoristica proprio dal diretto interessato, giovane pilota che vive a Bra.

Intanto complimenti per la grande annata Kevin! Dove si è sviluppato il mondiale Enduro under 21 che ti ha visto laurearti campione del mondo?

Siamo stati due volte in Portogallo, in Finlandia, Svezia, Slovacchia, Spagna e in Italia, a Sanremo.

Come si svolgono le gare di Enduro?

Si corre il sabato e la domenica su un circuito di 60-70 km da ripetere 3 o 4 volte. Sono in pratica due gare distinte, con due premiazioni e vengono sommati i punteggi ottenuti. Il regolamento è simile a quello dei rally automobilistici. Ogni giro è suddiviso in settori e ci sono 3 “speciali” o riscontri cronometrici a giro: sono i fattori decisivi per costruire la prestazione complessiva. Lì bisogna andar forte!

Quindi una gara quanto può durare?

Di solito intorno alle 8 ore, sono molto impegnative fisicamente e nei trasferimenti bisogna rispettare i tempi e cercare di accumulare qualche minuto in più per mangiare e riposare.

Con che tipo di motocicletta gareggi?

Con un Fantic 125 due tempi del Fantic Factory Enduro Team.Oltre alle gare del mondiale hai partecipato al Trofeo delle Nazioni, in pratica il campionato mondiale per nazioni che si è svolto a novembre in Argentina.

Com’è andata?

Ero uno dei quattro piloti del team Italia. Purtroppo per un guasto alla moto la gara non è andata benissimo. Eravamo secondi dietro agli USA che hanno poi vinto, e siamo scivolati al sesto posto. Peccato.

Vi rifarete l’anno prossimo. A proposito … correrai ancora il mondiale?

Certo, però i regolamenti prevedono che debba passare alla categoria superiore, quella Under 23, in virtù del primo posto di quest’anno, anche se potrei ancora essere nella Under 21 essendo nato nel 2003. Sarà durissima, ma non mi tiro indietro!

Da quanti anni pratichi la specialità Enduro?

Dal 2019, prima correvo nel cross, nell’agonistica dal 2012 quando avevo 9 anni.Hai partecipato la scorsa settimana a Liverpool al FIM AWARDS, in cui sono stati premiati tutti i campioni mondiali della federazione motociclistica nell’anno 2023.

Chi hai conosciuto fra i tanti?

Ho conosciuto davvero tanti campioni. In particolare ho fatto amicizia con Nicolò Canepa campione del mondo Endurance, con Pedro Acosta e Jaume Masià che hanno vinto i campionati di Moto2 e Moto3. È stata un’esperienza fantastica! 

silvano bertaina

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium