/ Politica

Politica | 10 febbraio 2024, 09:00

Matteo Ravera ufficializza la sua candidatura a sindaco di Boves

Da dieci anni vicesindaco di Maurizio Paoletti, è in consiglio comunale dal 2009. "La scelta di candidarmi è stata naturale e supportata da una lista civica fatta di persone concrete e competenti"

Matteo Ravera, 46 anni, attuale vicesindaco, e in consiglio comunale da 15 anni

Matteo Ravera, 46 anni, attuale vicesindaco, e in consiglio comunale da 15 anni

Matteo Ravera, 46 anni, da dieci vice del sindaco Maurizio Paoletti, ha deciso di correre per la carica di primo cittadino di Boves. Eletto per la prima volta in Consiglio comunale nel 2009 con la lista “Boves mia”, è stato anche per cinque anni assessore all’Urbanistica ed edilizia privata della Giunta di Mario Giuliano. Rieletto nel 2014 e nel 2019, tra i più votati della lista “Per Boves”, si è occupato di settori importanti quali lavori pubblici, polizia locale, ambiente, urbanistica, edilizia privata e ha presieduto le conferenze di pianificazione del Piano Regolatore con gli enti sovraordinati, le commissioni Urbanistica, Politiche Ambientali e Piano Regolatore.

In questi dieci anni - dichiara Matteo Ravera – il sindaco Paoletti mi ha dato l’opportunità di seguire direttamente importanti progetti: la ristrutturazione della Biblioteca Civica e dell’Auditorium Borelli, il Museo Adriana Filippi, la riqualificazione delle pavimentazioni e arredi del centro storico, il futuro Museo della Resistenza ed i relativi fondi FESR da oltre un milione di euro che permetteranno di ultimare il polo culturale e museale della ex Filanda Favole".

La sua non è stata una decisione improvvisa o istintiva. "La scelta di candidarmi a sindaco non è stata repentina, ma è maturata in modo spontaneo e condiviso all’interno dell’attuale amministrazione. Un percorso naturale, dopo quindici anni di esperienza in Giunta, prima con Mario Giuliano, poi con l’amico Maurizio Paoletti, di cui sono anche vicesindaco da dieci anni e che mi sostiene da sempre".

Anche sulla squadra le idee sono chiare: "La mia candidatura è supportata da una lista civica autentica, fatta di persone competenti e concrete, che si pongono come obiettivo una città sempre più sostenibile e che guarda al futuro. Io non ho mai avuto tessere e il nostro gruppo è volutamente distante dalla logica dei partiti. La nostra lista si basa esclusivamente sulle competenze e sulla disponibilità a lavorare per il bene della città. Non crediamo nelle lotte divisive, ma riteniamo fortemente che un approccio inclusivo e collaborativo sia essenziale per costruire un'amministrazione forte, coesa e produttiva".



La lista civica “INSIEME PER BOVES” che sostiene la candidatura a sindaco di Matteo Ravera sarà in continuità con l’attuale Amministrazione, ma con un nutrito gruppo di nuove candidature, equamente suddivise tra uomini e donne. Hanno dato la loro adesione gli attuali assessori Fabio Climaci, Raffaella Giordano e Nadia Tecco, nonché i consiglieri Gianluca Cavallo e Irma Goletto. I consiglieri Alfredo Dalmasso, Pietro Franchino e Giovanni Pepino sosterranno attivamente e convintamente la lista, ma per ragioni personali non presenteranno la propria candidatura, lasciando spazio a nuove figure. La lista, composta da dodici candidati, è definita da tempo, ma i nominativi saranno divulgati in seguito, per evitare di avviare una campagna elettorale eccessivamente anticipata.


La mia formazione professionale, i quindici anni di esperienza amministrativa e la voglia di impegnarmi ancora con entusiasmo - conclude Matteo Ravera - mi spingono a mettere le mie competenze al servizio della nostra città candidandomi a sindaco. Chiedo il sostegno dei bovesani per portare avanti una gestione serena e competente della nostra città nei prossimi cinque anni, mettendo a disposizione il tempo e la dedizione necessari per assicurare che Boves cresca in modo sostenibile ed equilibrato. L’impegno e la disponibilità con cui ritengo di aver operato in questi anni sono garanzia di quello che è il mio modo di lavorare”.

Matteo Ravera è architetto libero professionista. Sposato con Elisa Giraudo, è padre di due figlie, Martina e Sofia.

Informazione politica elettorale

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium