/ Attualità

Attualità | 12 febbraio 2024, 19:04

Anche nel Cuneese sono tornati pioggia e neve lo scorso week end

Sabato la dama bianca si è posata già a poco più che ottocento metri

Anche nel Cuneese sono tornati pioggia e neve lo scorso week end

Pioggia e neve lo scorso fine settimana sono tornati su tutto il Piemonte. Secondo il bilancio tracciato da Arpa Piemonte, già dalle prime ore di venerdì 9 febbraio le correnti, di libeccio in quota e meridionali negli strati più bassi dell’atmosfera, hanno subito una decisa intensificazione, apportando quindi maltempo diffuso, con precipitazioni più intense e persistenti sull’alto Piemonte e sui settori di confine con la Liguria, mentre la pianura e collina tra basso Torinese, Cuneese ed Astigiano sono stati interessati da fenomeni a carattere sparso e meno intensi, venendosi a trovare in parziale ombra pluviometrica, date le caratteristiche delle correnti in quota.
Nel corso della giornata di sabato è proseguita questa fase perturbata, la sera, la perturbazione si è poi mossa verso est-sudest lasciando spazio ad un graduale miglioramento a partire dalle vallate del Cuneese.

Le nevicate sui settori alpini nella giornata di venerdì sono state generalmente deboli o al più solo localmente moderate sui settori settentrionali oltre i 1400-1600 m. Nel corso della giornata di sabato, in relazione all’aumento dell’intensità, la quota neve è scesa generalmente in tutti i settori fino a 1200-1400 m, arrivando localmente a quote 800-1000 m in corrispondenza dei picchi più intensi e delle valli più strette. Gli apporti sono stati moderati o temporaneamente forti sui settori settentrionali e meridionali di confine.
Complessivamente a circa 2000 m di quota, i quantitativi registrati fino alla mattina di domenica sono stati di 30-50 cm sui settori settentrionali e meridionali con punte di 60cm su Alpi Pennine e Graie, 20-30 cm sulle Alpi Cozie.

Da domenica mattina forti venti da nordovest hanno interessato i settori alpini con un importante rimaneggiamento della neve recente e conseguente formazione di diffusi lastroni di piccole e medie dimensioni. Sono state registrate valanghe spontanee di piccole e medie dimensioni, dove gli apporti sono stati maggiori (sui settori settentrionali e meridionali) localmente si sono verificate valanghe anche più grandi.

Il pericolo valanghe è arrivato al 3-Marcato in quota in tutti i settori sia per il distacco spontaneo che provocato.

Nei prossimi giorni

Fino alla giornata di giovedì, la progressiva rimonta di un promontorio di alta pressione sull’Europa sudoccidentale garantirà condizioni in prevalenza stabili, con velature in transito che a tratti potranno risultare spesse, locali foschie e banchi di nebbia sulle pianure orientali nelle prime ore di domani e venti di foehn nelle vallate alpine nordoccidentali e settentrionali tra la tarda serata odierna e metà giornata di domani.

La quota dello zero termico è prevista in progressivo rialzo da domani fino a portarsi diffusamente oltre i 3000 m nella giornata di giovedì.

Grazie alle condizioni meteorologiche in miglioramento, si assisterà ad una graduale diminuzione del pericolo valanghe per un aumento della stabilità del consolidamento del manto nevoso.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium