/ Attualità

Attualità | 24 febbraio 2024, 16:24

A Cuneo il lungo corteo contro la guerra al grido di "cessate il fuoco" [FOTO e VIDEO]

Il raduno in piazza Europa a cui è seguita una lunga sfilata, in contemporanea in 120 luoghi d'Italia e d'Europa. Oltre 500 i manifestanti a una sola voce hanno chiesto la fine di tutte le guerre

A Cuneo il lungo corteo contro la guerra al grido di "cessate il fuoco" [FOTO e VIDEO]

Tanti colori, tante bandiere della pace, tante nazioni abbracciate, centinaia di persone a Cuneo per manifestare unite contro ogni guerra in piazza Europa. Hanno aperto il corteo le "donne per la pace" vestite a lutto e che portano la scritta collettiva "cessate il fuoco". 

Grandissima partecipazione a Cuneo. Non sono mancate le presenze istituzionali. Presente il vescovo Piero Delbosco, il segretario provinciale del PD Mauro Calderoni con la sindaca di Cuneo Patrizia Manassero e diversi esponenti di giunta e consiglio comunale.

Presente anche la sindaca di Borgo San Dalmazzo Roberta Robbione, assessora alla Pace. "Siamo qui per manifestare per la pace a sostegno di tutti i civili vittime di tutte le guerre". Tra i manifestanti il garante comunale delle persone detenute Alberto Valmaggia.

Tra gli interventi quello di Fulvio Barberis, coordinatore di Pace e disarmo di Cuneo: "Siamo presenti in 120 piazze d'Italia e d'Europa. Il popolo di costruttori di pace per fermare la corsa al riarmo e la devastazione del pianeta".

Dopo le parole è partito il corteo a ritmo di musica e di speranza. Una lunga successione di bandiere e colori, con più di 500 manifestanti (numero confermato dalla questura) si è mossa al grido di "Cessate il fuoco". Si chiede la fine di tutte le guerre, tra gli slogan: "Palestina libera". Il serpentone ha percorso corso Nizza raggiungendo piazza Galimberti intorno alle 16,40, per proseguire lungo via Roma alla volta del Palazzo Municipale.

Una delegazione del Movimento 5 Stelle ha partecipato alla mobilitazione per il Cessate il fuoco in Palestina e Ucraina promossa da “Europe for Peace”, “Assisi Pace Giusta” e “Rete Italiana Pace e Disarmo”. "Occorre fermare subito l'escalation militare e avviare una nuova stagione di dialogo. Un posizione coerente, che abbiamo riaffermato a Roma come a Torino e Cuneo, nelle piazze così come in ogni sede istituzionale", ha affermato Ivano Martinetti, coordinatore Movimento 5 Stelle Provincia di Cuneo e consigliere regionale del Piemonte.

In largo Audifreddi sono continuati gli interventi che hanno toccato temi di stringente attualità: la giustizia, l'integrazione, il giornalismo, i suoi rischi nelle zone di guerra, i diritti. Tante le realtà associative che hanno dato il loro contributo: Libera, Amnesty International, Emergency. Presente anche Ughetta Biancotto, presidente Anpi Cuneo, Paolo Alemanno, presidente ANPI Provinciale con la vice Maddalena Forneris, presidente ANPI Borgo e valli.

Una sfilata di colori e slogan

 

 



redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium