/ Sport

Sport | 28 febbraio 2024, 08:37

Biathlon: Carlotta Gautero quarta nella sprint ai Mondiali Youth e Junior

La cuneese si piazza a soli 7 decimi di distanza dal podio

Biathlon: Carlotta Gautero quarta nella sprint ai Mondiali Youth e Junior

La rassegna iridata di biathlon dedicata alle categorie giovanili Youth e Junior, che si sta svolgendo nella località estone di Otepää, è giunta al giro di boa con la disputa della sprint femminile U19.

La svedese Elsa Tanglander (0+1) cambia totalmente faccia rispetto all’individuale e conquista un prestigioso titolo, è il punto più alto della sua giovane carriera. Alle sue spalle si attesta la transalpina Voldiya Galmace Paulin (1+1), è la più in forma tra le ragazze, non ha ancora mancato una volta l’appuntamento con il podio e con l’argento odierno completa la collezione di medaglie. Terzo posto per la giovanissima Melina Gaupp (0+1), la nazionale tedesca continua a produrre talenti e lei è l’ultima di una lunga lista di atlete che nei prossimi anni domineranno ai piani superiori.

Tre le azzurre presenti al via, di cui due piemontesi: Carlotta Gautero -medaglia d’oro ai Giochi Olimpici Giovanili-, Nayeli Mariotti Cavagnet e Fabiola Miraglio Mellano.

Le tre esponenti della squadra italiana, essendo nate nel 2006, avranno diritto di permanenza per un altro anno nella categoria Youth. La cuneese Carlotta Gautero (1+0) è stata la migliore in casa Italia, ha concluso la prova al 4° posto a soli sette decimi dal bronzo. Lei e la tedesca Gaupp hanno disputato una prova alla pari, quattro i secondi guadagnati dalla teutonica nel tiro mentre sugli sci Gautero la precede in classifica per 3.5s. Tirando le somme poteva finire in un modo o nell’altro, in questa situazione il vantaggio dato dal pettorale più alto dell’atleta tesserata per la società di biathlon di Ulm ha effettivamente dato un vantaggio concreto.

Fabiola Miraglio Mellano (0+2) termina la prova al 30°, ben diverso l’approccio alla gara rispetto alla precedente uscita di sabato. La valdostana Nayeli Mariotti Cavagnet (47°, 4+0), dopo la top ten dell’individuale, era tra i papabili nomi per un piazzamento prestigioso, ma le difficoltà a terra hanno fatto svanire la possibile favola. Le condizioni trovate delle atlete lungo la pista -anello da 2.0km- erano pressoché le medesime viste in mattinata: temperature intorno ai tre gradi centigradi, scarsa visibilità e un vento leggero ma di non facile lettura.

Al maschile, il norvegese Kasper Kalkenberg (0+0), classe 2005, migliora il metallo ottenuto nell’individuale e si riconferma campione del mondo nel format più veloce del biathlon. Come se non bastasse, troviamo il medesimo secondo della prova iridata dello scorso anno in Kazakistan: il croato Matija Legovic (0+1), cresciuto sugli sci nell’inverno corrente, chiude a +30.1s dallo scandinavo. Il bronzo va ad appannaggio del finlandese Jimi Klemettinen (0+1), aveva già dimostrato sulle nevi estoni nei passati giorni, sfiorando due volte la medaglia, di essere in condizione.In casa Italia solo tre i ragazzi che hanno preso il via alla manifestazione: Michele Carollo, Nicola Giordano e Davide Cola. Il cuneese Michele Carollo (1+1) si riconferma la guida all’interno della squadra azzurra. Il -da pochi mesi- carabiniere ha concluso la prova al 16° posto, ha disputato una discreta prova in entrambi i segmenti di gara. Col pettorale 96 è scattato Davide Cola (36°, 0+1), l’ultimo bersaglio mancato è stato oltremodo sanguinoso, senza l’errore le difficoltà sugli sci potevano essere parzialmente appianate dalla precisione. Il piemontese delle Fiamme Gialle, Nicola Giordano (43°, 1+3), non avendo niente da perdere ha provato ad affrontare alla garibaldina la sessione in piedi. La nebbia e la scarsa visibilità hanno accompagnato i biatleti lungo tutto lo svolgimento della gara. Inoltre, le temperature sopra lo zero termico e l’elevata umidità hanno impattato sulla tenuta della pista -anello da 2,5km-. Il poligono, come durante l’individuale e le staffette miste, è stato assoluto protagonista, al traguardo oltre al vincitore sono solo cinque gli zero in classifica. Il transalpino Antonin Guy (1+1), che fino ad ora in stagione non aveva mai mancato la medaglia tra Giochi Olimpici giovanili e Mondiali (5 ori e 1 argento), è stato tradito dalla sua capacità al tiro, a testimoniare le difficoltà che si sono trovati ad affrontare gli atleti. Il norvegese Kalkenberg si aggiudica anche la migliore prestazione nel course total time per 3.3s sul croato Legovic: con sagacia ha impostato il suo ritmo di gara con un crescendo di intensità combaciato con l’inizio della seconda tornata. 

fisi aoc

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium