/ Attualità

Attualità | 01 marzo 2024, 17:32

Il progetto di un impianto da rugby ad Alba. "In cinque anni non è stata trovata una soluzione"

Le critiche sono state mosse dal consigliere Claudio Tibaldi del Pd. L'assessore Massimo Reggio ha illustrato le due opzioni prese in considerazione dall'Amministrazione: dal Coppino 3 alla realizzazione di una nuova struttura

Gli allenamenti dell'Alba Rugby

Gli allenamenti dell'Alba Rugby

Il futuro campo da rugby, “che l’Amministrazione albese nel 2019 affermò di non voler trovare sfruttando i campi Coppino 2 e Coppino 3, ma valutando altre sistemazioni”: questo il tema su cui il consigliere Claudio Tibaldi del Pd ha voluto dei ragguagli nell’ultimo consiglio comunale. Il rugby è una realtà in crescita in Città, come ha precisato lo stesso interrogante: “Alcuni appassionati mi hanno confermato che ci sono 7 squadre maschili con oltre 81 componenti e simpatizzanti e 13 componenti femminili, con un’atleta perfino convocata nell’Under 18”.

La risposta dell’assessore Massimo Reggio è stata concertata con il consigliere delegato allo Sport Daniele Sobrero: “Pensiamo che il rugby sia uno sport che esalta i valori educativi della correttezza e del rispetto, per questo il nostro delegato è sempre stato molto vicino all'attività delle associazioni sostenendo i lavori infrastrutturali che erano necessari per garantire l’attività degli atleti”.

Successivamente l’assessore ha toccato l’argomento relativo al futuro campo da rugby: “A nostro avviso il progetto iniziale era errato e non risolutivo perché andava a danneggiare in modo irreparabile l'impianto attuale del Coppino. E oltretutto aveva un finanziamento di soli 160.000 euro e non prevedeva l'impianto di illuminazione. Sono state individuate due aree, una che prevede l’utilizzo del Coppino 3 e l’acquisizione di aree private vincolate a servizi per lo sport. Un’altra area è completamente libera, ma necessita di grandi investimenti perché non è attrezzata. Abbiamo fatto almeno cinque incontri con la Federazione nazionale di rugby, dicendo ai responsabili che eravamo disposti a fare anche un grande impianto, ma alla nostra realtà potevano concedere al massimo 40.000 euro per l’esecuzione del manto verde”.

Il futuro è tutto da scrivere: “Se questa amministrazione verrà confermata proseguiremo nel lavoro per provare a realizzare un impianto degno di Alba e non un compromesso come quello che ci era stato proposto”, ha concluso Reggio.

Il consigliere Tibaldi ha concluso il suo intervento in maniera molto netta. "In cinque anni non è stata trovata una soluzione. Non si vuole dare dignità a questo sport che, pure, regala ad Alba atleti nazionali. Ci avete messo cinque anni per essere allo stesso punto di cinque anni fa".

Daniele Vaira

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium