/ Agricoltura

Agricoltura | 18 marzo 2024, 08:32

In 250 a Monastero di Vasco per parlare del castagno

presentate soluzioni tecnologiche e operative per non dover ricorrere agli "abbruciamenti" di quanto rimane sotto le piante dopo la raccolta delle castagne e la potatura

In 250 a Monastero di Vasco per parlare del castagno

Per le "terre di mezzo", la montagna tra 600 e 1000 metri di altitudine, è da sempre "l'albero del pane". Speranza e tradizione. I castagneti oggi sono al centro di una rinascita.

Non solo quelli in pianura, impianti ad alto tasso di innovazione, piuttosto semplici, analoghi ad altre produzioni. In montagna è tutto diverso. E il castagno è moda ed è futuro, percorsi di sviluppo innovatori e rigenerazione territoriale, nuove imprese e protezione dei versanti. 250 persone venerdi pomeriggio si sono ritrovate a Monastero Di Vasco, tra i castagneti di Frazione Gallizzi, per scoprire nuove soluzioni per la gestione di ricci, potature, foglie.

Presenti il Sindaco di Chiusa di Pesio, Claudio Baudino, i Presidenti regionale di Uncem Roberto Colombero, e nazionale, Marco Bussone, il Consigliere nazionale Uncem Sebastiano Massa. E poi imprese, docenti universitari, appassionati. Molti giovani. Una folla tra i boschi, inattesa per gli organizzatori dell'Università di Torino, Dipartimento di Agraria, insieme con Uncem.

Molto soddisfatti Gabriella Mellano e Gabriele Beccaro, docenti del DISAFA e principali animatori del Centro nazionale di Castanicoltura di Chiusa di Pesio. Nel pomeriggio sono state presentate soluzioni tecnologiche e operative per non dover ricorrere agli "abbruciamenti" di quanto rimane sotto le piante dopo la raccolta delle castagne e la potatura. Il fuoco dei residui è vietato per legge, stante l'alto livello di emissioni di inquinanti. Trovare nuove soluzioni è uno degli obiettivi del progetto Reaction, finanziato dal PSR della Regione Piemonte. "Trovare nuove soluzioni per lavorare meglio e produrre più qualità sui versanti montani, carichi di castagneti, oltre 200mila ettari solo in Piemonte, è importante e decisivo", commenta il professor Beccaro.

cs

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium