/ Attualità

Attualità | 22 maggio 2024, 10:05

La Nothern Iowa University in concerto a Busca per “Musicaè 2024”

Appuntamento domenica 26 maggio alle ore 21 sul palco del cinema -teatro Lux

La Nothern Iowa University in concerto a Busca per “Musicaè 2024”

L’associazione culturale Amici della Musica, per la XX edizione della Rassegna internazionale “Musicaè 2024”, sezioni On stage Le eccellenze e On air Giovanissimi alla ribalta, presenta un eccezionale appuntamento con una vera orchestra sinfonica. Domenica 26 maggio alle ore 21 sul palco del cinema -teatro Lux salirà la formazione composta da una cinquantina di studenti dell’età compresa tra i 18 e i 22 anni della Nothern Iowa University diretta da Erik Rhode e con Hannah Porter-Occeña flauto.

Nel programma i grandi classici statunitensi con l’effervescenza di West Side story di Leonard Bernstein, passando per un brano in prima esecuzione di Jennifer Higdon, per approdare ad un classico del sinfonismo europeo come il Romeo e Giulietta di Čajkovskij. 

Jennifer Higdon è considerata fra i massimi compositori viventi: ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Pulitzer per la musica 2010 per il suo Concerto per violino e il Grammy Award 2009 Migliore Composizione Classica Contemporanea per il suo Percussion Concerto.  E' stata eseguita da più di quattrocento orchestre dalla sua premiere nel 2000.

Il concerto concluderà la ricca giornata buschese della Fiera di Maggio.

Per una migliore organizzazione dell’evento si consiglia la prenotazione al numero 339.6013250 (Segreteria dell’associazione). Ingresso libero con precedenza ai soci. Grazie a Sedamyl.  

Programma

Leonard Bernstein 1918-1990

Suite sinfonica da West Side Story

Jennifer Higdon 1962

The Light That We Can Hear (prima esecuzione)

Aaron Jay Kernis 1960

Musica Celestis

Pëtr Il'ič Čajkovskij 1840-1893

Ouverture Romeo e Giulietta

La Northern Iowa Symphony Orchestra, che si è esibita negli Usa, in Europa e in Asia, è formata dai migliori studenti della prestigiosa University of Northern Iowa e si dedica a diversi repertori, ospitando solisti internazionali e suonando annualmente nell'ambito del programma UNI Opera Theater. L'Orchestra affronta frequentemente opere di autori americani, riscoprendo capolavori del passato e proponendo pagine in prima esecuzione. Fra i compositori con cui collabora citiamo Chen Yi, Elliott Miles McKinley, Libby Larsen, Daniel Swilley, Jonathan Schwabe, Katherine Bergman, Michael-Thomas Foumai, Jorge Sosa e Denzel Washington. 

Erik Rohde, direttore, violinista e didatta, si esibisce in importanti stagioni e rassegne negli Usa, in Europa e in Asia. Direttore delle attività orchestrali presso la University of Northern Iowa e Direttore musicale e artistico della Winona Symphony Orchestra, ha anche collaborato con  l'Indiana State University come docente e direttore della Indiana State University Symphony Orchestra, fondando inoltre la Salomon Chamber Orchestra, formazione dedicata alla promozione dei compositori viventi e all'interpretazione di Haydn e dei suoi contemporanei. Paladino della musica contemporanea, ha commissionato numerose opere sia in veste di direttore che di camerista. Vanta collaborazioni con Joan Tower, Augusta Read Thomas, Libby Larsen, Chen Yi, Michael-Thomas Foumai, Pierre Jalbert, James Dillon, Meira Warshauer, Elliott Miles McKinley, Christopher Walczak, David Dzubay, Marc Mellits, Carter Pann, Narong Prangcharoen e molti altri.  

Hannah Porter Occeña si è laureata alla Stony Brook University con Carol Wincenc, conseguendo quindi un Master of Music Dip.RAM presso la Royal Academy of Music e unBachelor of Music alla University of Missouri-Kansas City Conservatory of Music and Dance. Dotata di «suono ricco e tecnica raffinata» insegna alla University of Northern Iowa ed è Primo flauto presso la Topeka Symphony Orchestra (Topeka, KS), dopo aver collaborato con la Midwest Chamber Ensemble (Prairie Village, KS) e la Bismarck-Mandan Symphony Orchestra (Bismarck, ND). Vincitrice nel 2012 del Premio Irene Burchard alla Royal Academy of Music, ha tenuto concerti e seminari negli Stati Uniti e all'estero. Interessata alle opere del passato quanto ai nuovi orizzonti dell'arte, ha profuso energie per rendere la musica classica accessibile a pubblici differenti, anche a persone con bisogni speciali. Suona un flauto Miyazawa Elite.

c.s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium