/ Economia

Economia | 29 maggio 2024, 07:00

EURO 2024: chi vincerà? Le tre nazionali favorite

Una delle principali competizioni in ambito internazionale sono gli Europei di calcio, un trofeo tra i più ambiti in assoluto dalle nazionali del continente.

EURO 2024: chi vincerà? Le tre nazionali favorite

Una delle principali competizioni in ambito internazionale sono gli Europei di calcio, un trofeo tra i più ambiti in assoluto dalle nazionali del continente. Al di là della possibilità di incontrare nuove realtà da un punto di vista culturale, poiché allo stadio ci si unisce con altri tifosi provenienti da diverse aree dell’Europa, vi è l’occasione di viaggiare per seguire la sorte della propria squadra in tempo reale. Chiaramente vivere in prima persona una competizione del genere è stimolante, e per farlo serve viaggiare. EURO 2024 sarà ospitata dalla Germania, già tre volte vincitrice della coppa che si contenderà nuovamente dal 14 giugno prossimo. La data della finale è fissata al 14 luglio prossimo, mentre i gironi si concluderanno 26 giugno con l’inizio della fase a eliminazione diretta prevista il 29 giugno.

Chi vincerà EURO 2024? Le tre squadre favorite

Siccome si tratta di una competizione complessa, per ipotizzare le squadre favorite per alzare la coppa in finale ad EURO 2024 è necessario essere a conoscenza dell’albo d’oro di questo trofeo. A riguardo suggeriamo la lettura di questa infografica sugli europei, di recente stilata dagli esperti del settore. Una volta appreso chi ha vinto nel corso della storia, è possibile cominciare a riflettere su quelle che sono le tre nazionali favorite alla vittoria finale: di seguito l’approfondimento.

1) Francia

Non si può che cominciare con la nazionale che ha dimostrato di essere più completa nel corso dell’ultimo decennio. La Francia ha un numero di giocatori di alto livello difficilmente paragonabile a qualunque altra squadra qualificata ad EURO 2024, per cui è chiaro che un team composto da così tanti fuoriclasse parta davanti a tutti. Tra questi ultimi spicca la stella Mbappé, che ormai ha salutato il PSG per andare, molto probabilmente, al Real Madrid.

In attacco con lui ci saranno Griezmann e Coman, con Thuram, Giroud e Dembélé a scalpitare per entrare dalla panchina o per guadagnarsi una maglia da titolare. Il centrocampo è altrettanto importante, tra i giovani campioni proprio del Real Madrid Camavinga e Aurélien Tchouaméni, e la scoperta parigina Warren Zaïre-Emery. A difesa non mancano le certezze con l’interista Pavard e il milanista Theo Hernandez, così come a porta ci sarà Mike Maignan sempre dei rossoneri. Insomma, ad occhio e croce la Francia ha davvero l’organico migliore della competizione.

2) Portogallo

L’ultimo europeo di Cristiano Ronaldo, chissà che il Portogallo non emuli l’Argentina degli ultimi Mondiali per assicurare un meritato trionfo al suo campione. CR7 ha già vinto questo trofeo con la sua nazionale, ma a causa di un infortunio non poté giocare la finale con la Francia, e ora quindi ha intenzione di vincere di nuovo ma a modo suo. Non tutti però sono d’accordo sulle probabilità di vittoria del Portogallo, come si nota dalla pagina degli Euro 2024 di Betway, eppure si tratta di una nazionale che ha tutte le carte in regola per alzare la coppa.

Chiaramente, come si dice sempre, il calcio è uno sport di squadra e di certo non può vincere il fenomeno portoghese in solitaria, anzi. Ma, proprio per questo, occorre sottolineare quanto l’organico del Portogallo non ha nulla da invidiare a quello delle altre partecipanti. Bruno Fernandes, Bernardo Silva, Vitinha, Gonçalo Ramos, Raphael Leao, Diogo Jota, Joao Cancelo e Joao Felix sono solo alcuni dei calciatori pronti a dare spettacolo ai prossimi EURO 2024, e per di più il Portogallo ha un girone decisamente alla sua portata.

3) Inghilterra

L’Inghilterra è reduce dalla sconfitta in finale ai rigori proprio contro l’Italia alla scorsa edizione, per cui ha senz’altro voglia di riscattarsi nel migliore dei modi. Tuttavia, inseriamo l’Inghilterra come terza favorita anche per altri motivi, i quali sono legati all’ampiezza della rosa e alla qualità del gioco espresso di solito. Alexander Arnold, Bellingham, Maddison, Rice, Stones, Walker, Palmer, Bowen, Foden, Grealish, Kane, Saka; basta così per convincervi sulla quantità di fuoriclasse che compone la rosa dell’Inghilterra?

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium