/ Saluzzese

Saluzzese | 11 giugno 2024, 18:29

Quarti su ventuno compagini: Media di Saluzzo in spolvero ai campionati nazionali di atletica

Vincitore delle finali regionali, l’Istituto Comprensivo ha gareggiato a Pescara insieme ad oltre duemila studenti-atleti provenienti da tutta Italia. Terzo gradino del podio nazionale nella staffetta 4x100 alle frazioniste Aimar, Sola, Risso e Telamone

Podio per le frazioniste Aimar - Sola - Risso e Telamone nella staffetta 4 per 100

Podio per le frazioniste Aimar - Sola - Risso e Telamone nella staffetta 4 per 100

Dal 27 al 31 maggio Pescara, invasa da circa duemila studenti-atleti provenienti da tutta Italia in rappresentanza delle scuole secondarie di primo e secondo grado, è stata la capitale nazionale dell’atletica leggera.

L’Istituto Comprensivo di Saluzzo, giunto in Abruzzo come vincitore delle finali regionali, ha vissuto una tre giorni di sfide agonistiche di alto livello, classificandosi al 4° posto su ventuno compagini presenti, e ottenendo in questo modo un piazzamento sorprendente e più che soddisfacente.

Un traguardo prestigioso e per nulla scontato che si è inserito in una grande festa di sport, iniziata con un’ufficialità propria delle più grandi competizioni sportive, coinvolgendo tutte le delegazioni in una suggestiva cerimonia di apertura con sfilata delle squadre regionali, l’accensione del tripode con la fiaccola olimpica, la lettura del giuramento degli atleti e dei giudici e la dichiarazione di apertura dei giochi.

La squadra saluzzese – composta dalle cadette Matilde Telamone (80m), Elisa Aimar (80hs), Vittoria Audifreddi (1000m), Clara Eandi (lancio del vortex), Anxhela Palushaj (getto del peso), Carlotta Risso (salto in lungo), Francesca Sola (salto in alto), e Tommaso Bessone (80m), presente come individualista per la categoria cadetti, hanno gareggiato nello Stadio Adriatico “Giovanni Cornacchia” affrontando i diversi step di gara previsti ed alcuni di loro, superate le già impegnative fasi di qualificazione, hanno potuto accedere alle semifinali e finali di specialità.

"Per tutti è stata un’esperienza assolutamente unica ed indimenticabile, ricchissima di emozioni sia quando coinvolti direttamente nelle gare sia quando semplici spettatori e tifosi delle compagne di squadra o dei compagni della nutrita delegazione piemontese", racconta l'insegnante.

L’occasione di vedere gareggiare al proprio fianco ragazzi e ragazze capaci di esprimere tecnica pregevole ed ottime prestazioni ha contagiato ciascuno di loro, portando tutti a volersi esprimere al meglio nella propria disciplina, così che i tempi e le misure di accredito sono stati in più di un’occasione migliorati.

In particolare si sottolineano il 3:09.50 nei 1000m di Vittoria Audifreddi, il 10.71 di Matilde Telamone negli 80m, il lancio di 8.39m di Anxhela Palushaj nel getto del peso, i 39.28m di Clara Eandi nel vortex, nonché il tempo di 9.90 di Tommaso Bessone, valso la quarta posizione assoluta nella combattuta finale maschile sugli 80m.

La determinazione delle ragazze a ben figurare si è evidenziata anche nella prova di squadra, la sempre emozionante staffetta 4x100, dove le frazioniste Aimar - Sola - Risso e Telamone si sono aggiudicate la prima posizione in batteria con un ottimo 54.39, tempo che ha permesso loro di salire sul terzo gradino del podio nazionale, contribuendo a realizzare il fantastico quarto piazzamento finale dell’Istituto.

Le competizioni sportive si sono naturalmente concluse con premiazioni e discorsi ufficiali, ma hanno visto anche una simpatica chiusura nella pittoresca festa delle regioni durante la quale le ventuno delegazioni regionali hanno allestito stand ed offerto degustazioni di prodotti tipici di ogni angolo d’Italia, trasformando così l’evento sportivo in una grande festa di socializzazione e scambio culturale.

Le ragazze tutte con il compagno Tommaso sono grate alle aziende Inalpi di Moretta e Ponso Frutta di Lagnasco per averle “sponsorizzate” in occasione di questo particolare appuntamento gastronomico, ma soprattutto desiderano ringraziare tutti i loro insegnanti di educazione fisica e in particolare la professoressa M. Elena Bonatesta per averle accompagnate, incoraggiate e supportate in questa trasferta agonistica, un viaggio che resterà sicuramente impresso nella mente e nel cuore di tutti per la specialissima esperienza vissuta ed il turbinio di emozioni provate.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium