/ Al Direttore

Al Direttore | 28 giugno 2024, 18:02

Sturlese (Cuneo Beni Comuni): "La difesa dei cedri non implica il mettere da parte le altre battaglie sociali"

Il decano del Consiglio comunale cuneese risponde a una nostra lettrice: "Le nostre priorità sono ben chiare sui vari fronti che una società, per molti versi decadente, ci presenta in termini sempre più gravi"

Ugo Sturlese - foto: Simone Giraudi

Ugo Sturlese - foto: Simone Giraudi

Riceviamo e pubblichiamo la lettera prodotta dal consigliere comunale di Cuneo Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni) come risposta alla lettera di una cittadina sulle proteste che hanno coinvolto i cedri di piazza Europa.

***

Caro Direttore,
concordo con la lettrice Fabiana Desogus che le problematiche relative all’accesso dei bimbi agli asili nido sono di assoluto rilievo, così come quelle dell’assistenza agli anziani. E in effetti da anni ho assunto il parametro del numero di posti negli asili nido come elemento prioritario per giudicare le scelte di bilancio dell’amministrazione comunale considerando l’attuale offerta del servizio ancora insufficiente rispetto agli standard europei e tale da indurre difficoltà sulla condizione delle donne nel loro legittimo diritto di accesso al lavoro. Ugualmente l’assistenza agli anziani è una priorità assoluta, che non sempre trova risposte soddisfacenti, in quanto la riduzione dei posti letto in città nelle RSA non trova compensazione in adeguati servizi domiciliari.

Basta seguire anche superficialmente i lavori del Consiglio comunale per comprendere come su questi temi il sottoscritto, la capogruppo dei beni comuni Luciana Toselli e l’intero gruppo assieme agli alleati di Cuneo Mia si siano sempre battuti con grande impegno.

Non vedo perché mettere in contraddizione queste problematiche con l’impegno per la difesa dei cedri di piazza Europa, che costituiscono una risorsa ornamentale ed ecosistemica di grande valore per la tutela dell’ambiente cittadino. E non è un caso se non solo a Cuneo ma in tutta Italia si stanno manifestando iniziative analoghe contro visioni arretrate di molte amministrazioni di vario colore che non comprendono come il degrado dell’ambiente e l’inquinamento atmosferico dal quale gli alberi ci difendono siano divenuti un grave fattore, che incide sulla salute dei cittadini in termini di un aumento delle patologie cardiopolmonari.

Quindi, cara Fabiana, non te la prendere e non dubitare: le nostre priorità sono ben chiare sui vari fronti che una società, per molti versi decadente, ci presenta in termini sempre più gravi.

Al Direttore

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium