In-formati! - 31 agosto 2021, 10:42

Road to Rome, giorno 1: Viverone - Vercelli

Prosegue la nostra rubrica incentrata sul benessere: gestita da Ilaria Allasina, personal trainer laureata in Scienze motorie ed in Scienze dell’attività motoria preventiva e adattata, specializzata in Pilates matwork e allenamento funzionale a corpo libero

Foto generica

Foto generica

Parte dal lago di Viverone la mia piccola ma intensa spedizione lungo la Via Francigena! È il quarantanovesimo giorno del Road To Rome, i pellegrini tornano in sella! Raggiungo il gruppo al punto di incontro: per primo, in anticipo come me, conosco Fabrizio, unatleta paralimpico che pedala utilizzando una sola gamba; insieme a lui la sua bicicletta da corsa,abilmente modificata per permettere la pedalata.

Fatte le dovute presentazioni, conosciuta anche la mianuova bicicletta Alpek, si parte!Prima accoglienza a Roppolo, un piccolo borgo inprovincia di Biella, salutato il sindaco e scattate le foto dirito, proseguiamo alla volta di Cavaglià, qui, finalmente,ci rifocilliamo e timbriamo il nostro passaporto delpellegrino.

Il caldo e gli zaini iniziano a farsi sentire, ma il nostro entusiasmo, ed una leggera timidezza tra ipellegrini, ci fa pedalare tanto e parlare poco, senza alcun lamento. Dopo l’accoglienza al comune di Santhià, riceviamo il primo e vero dono dal sindaco: il biscotto delpellegrino! Buonissimi!

Procediamo lungo la Francigena, accompagnati da ciclisti locali, ascoltando il suono della natura el’inconfondibile rumore delle ruote delle nostre biciclette. Mangiamo un panino al volo, all’ombra e in cerchio; la convivialità di fronte al cibo rende tutti piùsocievoli e pronti al confronto, alla conoscenza l’uno dell’altra, pur sapendo di avere, già, tantissime caratteristiche in comune. Ci rimettiamo in sella e pedaliamo senza sosta fino a Vercelli. 55 km di sole. Osserviamo, grazie all’ospitalità di una signora locale, la città dall’alto, da uno dei tanti terrazzinipanoramici privati.

Raggiungiamo l’ostello Sancti Eusebi, una doccia rigenerante, qualche minuto di riposo, e via, acena! La timidezza dell’alba ha lasciato il posto all’estro del tramonto. Così, stanchi ed entusiasti, dormiamo nei nostri letti a castello. Pronti a ripartire, da Vercelli a Mortara.

ilaria allasina

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU