Attualità - 29 giugno 2022, 14:28

Cuneo, la petizione per evitare lo "svuotamento" del Santa Croce centra il bersaglio: 1.500 firme in quattro giorni

Nella petizione si fa infatti riferimento anche alla 'emorragia' di addetti ai lavori che sta caratterizzando il Santa Croce da alcuni mesi a questa parte. Ora, l'obiettivo è di 2.500 adesioni

Cuneo, la petizione per evitare lo "svuotamento" del Santa Croce centra il bersaglio: 1.500 firme in quattro giorni

Dopo un inizio stentato la petizione lanciata dalla cuneese Giulia Arneodo su Change.org - con al centro lo 'stato dell'arte' dell'ospedale Santa Croce di Cuneo e il suo progetto di accorpamento nell'area del Carle e di creazione di un nosocomio unico per il territorio - ha raggiunto l'obiettivo conclusivo dei 1.500 consensi.

"Non possiamo lasciare che smantellino il nostro ospedale, fiore all occhiello del Piemonte, per seguire l'interesse di alcuni", si legge nella pagina della petizione. Un proposito - questo - che molta della popolazione ha espresso sin da quando l'amministrazione che ha concluso domenica scorsa il proprio mandato, ha deciso di cominciare a valutare la costruzione di un nuovo ospedale unico.

A preoccupare i firmatari non è solo il futuro della sanità cuneese e dell'ospedale, ma anche il presente. Nella petizione si fa infatti riferimento anche alla 'emorragia' di addetti ai lavori che sta caratterizzando il Santa Croce da alcuni mesi a questa parte (anche questo, come l'ubicazione del nuovo ospedale unico, tema caldo dell'ultima campagna elettorale). "Per prenotare un'ecografia o qualunque esame ci vogliono mesi - si legge ancora nel testo della campagna di raccolta firme - . La sanità della cintura cuneese è pessima e, anche con la scusa della pandemia, siamo stati spesso dirottati a forza su altri ospedali come quello di Verduno e quelli di Vercelli e Tortona".

Queste 1.500 firme raccolte in poche ore sono senza dubbio un messaggio importante per l'amministrazione regionale e per quella neonata guidata da Patrizia Manassero, un grido non nuovo ma certamente imponente. E senza dubbio la sanità sarà ampio teatro di scontri nella sala del consiglio comunale di via Roma.

La petizione rimane ancora sottoscrivibile, con il nuovo traguardo delle 1.500 firme.

Simone Giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU