Attualità - 28 luglio 2022, 15:25

Peveragno, approvato il DUP: nessuna novità sul finanziamento per il nuovo polo scolastico

Il sindaco Renaudi chiarisce: "Parteciperemo a ogni bando possibile. Intanto, lanciamo ulteriori verifiche sugli stabili attuali"

Peveragno, approvato il DUP: nessuna novità sul finanziamento per il nuovo polo scolastico

Tra gli interventi che il Comune di Peveragno ha aggiunto al DUP 2023-2025 figurano anche voci specifiche per la 'progettazione definitiva e il reperimento delle risorse per la costruzione della nuova scuola dell’infanzia e del nuovo polo scolastico' e per 'interventi di riqualificazione dei servizi presenti al cimitero'.

E sulle due tematiche nella seduta del consiglio comunale tenutasi nella serata di ieri (mercoledì 27 luglio) non sono mancate le discussioni.

Le scuole comunali, tra presente e futuro
Il capogruppo di 'SiAmo Peveragno' Adriano Renaudi ha chiesto aggiornamenti in merito ai finanziamenti del progetto del nuovo polo scolastico: "Ci sono novità? Continuiamo a spendere in progettazione e per l'acquisto dall’area, ma senza il finanziamento rischiamo di buttare via dei soldi. Intanto, i ragazzi e il personale rimangono in una struttura che, secondo i nostri dati, non è totalmente sicura".

Già nelle scorse settimane il gruppo di minoranza aveva dibattuto sullo stato 'di salute' dello stabile delle scuole medie ed elementari di Peveragno, innescando un fitto botta e risposta con l'amministrazione comunale.

Fra dieci anni non ci sarà ancora la scuola, non perdiamo l’attenzione sull’esistente: "Abbiamo una scuola che dovrebbe sostenere 300 kg al metro quadro e invece ne tiene 100, e con una palestra che dopo anni è ancora puntellata e non utilizzata - ha aggiunto il consigliere Pierangelo Mattalia - . Speriamo che non accada nulla, altrimenti qualcuno dovrà prendersi le proprie responsabilità".

A rispondere ci ha pensato il sindaco Paolo Renaudi: "Per ora non abbiamo notizie della graduatoria del bando a cui abbiamo partecipato - ha detto - . Ma attendiamo con ansia l'autunno e il bando ministeriale attuato dalla Regione: è lì che dobbiamo guardare, e per parteciparci dobbiamo essere proprietari dell'area".

"Nel nostro programma elettorale abbiamo chiarito sin da subito che avremmo continuato con le manutenzioni delle scuole nonostante l’intenzione di realizzare il nuovo polo - ha detto ancora il sindaco - . Serve tempo, però, e un periodo di transizione. Abbiamo stanziato denaro per realizzare una verifica accurata degli stabili, se dovesse insorgere la necessità di realizzare interventi specifici, li adotteremo".

"L'ampliamento del cimitero? Da evitare finché possibile"

A lanciare la discussione sui provvedimenti relativi al cimitero comunale è stato, ancora, il consigliere Mattalia. Che ha chiesto una presa di posizione chiara al sindaco, puntata all'ampliamento della struttura: "E' notorio che i loculi da vendere sono esauriti e ne avete realizzati di nuovi nello spazio esistente, rovinando la parte verde in entrata al cimitero".

"Anche la costruzione di loculi era compresa nel nostro programma sin dall’inizio - ha risposto il sindaco - . Allargare il cimitero è un problema per i costi esageratamente elevati e perché così facendo l'intera zona viene a rientrare in un regime di vincolo più restrittivo. Qualunque amministratore comunale con esperienza e non interessato alla polemica sa che ampliare un cimitero è pratica da non affrontare a cuor leggero".

Simone Giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU