Ad occhi aperti - 04 luglio 2020, 07:43

In un mondo adolescente: The Perks of Being a Wallflower

Tutto questo per dire, insomma, che tutti noi, ora, siamo infinito. Siamo paracadutisti. Lanciamoci

In un mondo adolescente: The Perks of Being a Wallflower

“The Perks of Being a Wallflower” (“Noi siamo infinito”) è un film di produzione americana del 2012 scritto e diretto da Steven Chobosky a partire dal romanzo, sempre suo, “Ragazzo da parete”.

La pellicola segue l’avventura liceale di Charlie, ragazzino molto timido, e degli amici Sam e Patrick; tra nuovi amori, la paura di diventare grandi e traguardi scolastici, tutti e tre scopriranno qualcosa in più su ciascuno di loro… e su se stessi.

Qualche settimana di pausa, ed ecco che ritorna “Ad occhi aperti”. E come lo fa? Non parlando di argomenti che aprono il cuore, ma a questo - se è un po’ che seguite la rubrica – dovreste anche essere abituati.

Recentemente sono stati infatti rilasciati i dati di alcuni studi riguardanti l’incidenza dei disturbi mentali e degli episodi suicidiari nei giovani con meno di 24 anni. Secondo l’ISTAT 200 sui 4000 suicidi annuali in Italia riguardano proprio loro, e il “Bambino Gesù” di Roma ha riscontrato negli ultimi 8 anni una crescita di circa 20 volte delle richieste di soccorso (che sono andate a toccare anche bambini con età comprese tra i 10 e i 12 anni).

Ma non è finita qui. Il Global School-Based Student Health Survey (GSHS) ha recentemente concluso uno studio che ha coperto gli anni dal 2003 al 2015 e un campione di 275.057 adolescenti tra i 12 e i 17 anni (di cui oltre il 50% donne). I risultati sono sconcertanti: 1 adolescente su 6 – specie nei paesi a reddito medio-alto, e questo qualche pensiero dovrebbe darlo - ha pensato al suicidio negli ultimi dodici mesi, mentre il 9% - questa volta soprattutto nei paesi a reddito medio-basso, altro dato interessante - ha ammesso di aver già vissuto periodi di forte ansia e stress emotivo.

Esistono casistiche più specifiche che potrebbero, ovviamente, avvalorare o meno i due studi (come sempre accade). Ma i dati rimangono: le pulsioni suicidiarie – e i disagi, i più disparati, da cui si originano – sono parte integrante della nostra società e colpiscono la sua parte più importante, cioè i giovani adulti.

“The Perks of Being a Wallflower” è un film che proprio a loro si rivolge, e ve lo posso assicurare: l’ho visto quando, ormai, il lasso di tempo tra i 12 e i 17 anni l’avevo passato da parecchio e non ha certamente esercitato su di me il fascino che avrebbe dovuto. Ma rimane – come buona parte delle narrazioni adolescenziali – un’importante testimonianza per chi quel periodo lo sta vivendo, o per chi ha intenzione di comprenderlo un po’ di più.

I tre protagonisti del film, più si procede con la narrazione, e più diventa palese nascondano seri disagi emotivi, realizzati da una società repressiva e ben meno aperta e condiscendente di quanto si aspettassero o da vere e proprie turbe personali legate al proprio nucleo famigliare; svelarsi e raccontarsi, completamente come è giusto fare in un rapporto di amicizia, non sarà una passeggiata e anzi a tratti assumerà le tinte di un vero e proprio scontro.

Tutto questo per dire cosa? Che gli adolescenti sono paracadutisti davanti a un portellone aperto, sospesi, impauriti, misteriosi ed eroici, spesso bellissimi. Ma, soprattutto, che anche il mondo “post-pandemico” in cui ci siamo ritrovati catapultati – sospetto, anche un po’ troppo rapidamente, almeno per i miei gusti – presenta le stesse caratteristiche: è un mondo con un passato, anche disturbante, ma soprattutto con un futuro incerto e pieno di possibilità e pericoli.

Tutto questo per dire, insomma, che tutti noi, ora, siamo infinito. Siamo paracadutisti. Lanciamoci.

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU