Attualità - 07 maggio 2024, 13:54

A rischio chiusura la scuola serale del "Baruffi" di Mondovì, gli studenti: "Condannati a non diplomarci"

Gli iscritti, appoggiati dai docenti: "Nessuno di noi potrà proseguire il percorso di studi in altre sedi, a causa dei problemi di trasporto e dell'impossibilità di conciliare orari di lavoro e distanza aggiuntiva"

La sede del "Baruffi" di Mondovì

La sede del "Baruffi" di Mondovì

C'è chi ha deciso di iscriversi per conseguire il diploma e accedere all'università, chi per poter cambiare lavoro e chi per ampliare il proprio bagaglio culturale. 

Sono tante le storie degli studenti che sono iscritti al corso serale del "Baruffi" di Mondovì e che, ora, rischiano di vedere andare in frantumi il sogno di poter ottenere la "maturità". 

È a rischio chiusura, infatti, il corso serale che, al momento, conta un totale di 15 allievi, divisi su più anni di corso. 

"Vogliamo portare a conoscenza di tutti un triste episodio, affinché venga messa in luce la situazione che stiamo vivendo – scrivono gli studenti, appoggiati dai docenti -. Siamo iscritti del primo segmento (classe I e II accorpate) e secondo segmento (classe III e IV accorpate) del corso serale AFM (Amministrazione, Finanza e Marketing, denominazione attuale per il vecchio percorso di Ragioneria), ai quali verrà negata la possibilità di continuare e terminare gli studi, a causa dell'improvvisa chiusura del nostro corso".

Nessuna comunicazione ufficiale è stata recapitata agli studenti, ma ormai da mesi la voce di una imminente chiusura, a partire dal prossimo settembre, circola tra le aule. La motivazione? Un numero troppo esiguo di iscritti a fronte dei costi da sostenere. 

"Tutti noi, in questi anni – proseguono gli studenti -, abbiamo dedicato tempo a frequentare il corso e studiare con profitto, sottraendolo alle famiglie, al lavoro, ai nostri impegni personali, in funzione del conseguimento del diploma.

Lo abbiamo fatto con serietà e molto sacrificio, chi pagando una babysitter per non mancare alle lezioni, chi facendosi cambiare i turni al lavoro, chi diminuendo le ore lavorative e di conseguenza le proprie entrate.

Tutto questo pensando di realizzare il nostro desiderio, diplomarci, con la prospettiva di un miglioramento lavorativo e personale, come dimostra il percorso di molti alunni dello stesso corso diplomatisi in anni precedenti, che ora sono universitari oppure lavorativamente più appagati".

In questi mesi gli studenti hanno provato a chiedere risposte, proponendosi anche di cercare nuovi iscritti, ma al momento la decisione sembra quella della chiusura che costringerebbe gli studenti, tutti di area monregalese, a iscriversi a Cuneo o a Fossano, in due diversi istituti che offrono lo stesso servizio, ma molto più lontano. 

"Pesa tanto – proseguono - la sensazione di essere presi in giro, sia per la mancata comunicazione agli studenti del 2' segmento riguardo l'impossibilità di concludere il percorso scolastico nella sede in cui hanno iniziato, sia agli studenti del 1' segmento riguardo l'opportunità di scegliere percorsi alternativi di studio.

Ora siamo condannati a non diplomarci, visto che nessuno di noi potrà continuare il percorso di studi in altre sedi, a causa dei problemi di trasporto e a causa dell'impossibilità di conciliare gli orari di lavoro con la distanza aggiuntiva, senza contare poi il maggiore dispendio economico".

La speranza degli iscritti è che possa esserci un ripensamento degli enti competenti o che, almeno, venga garantito il termine del percorso a Mondovì per gli iscritti. 

Arianna Pronestì

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU