/ Agricoltura

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | 30 giugno 2018, 11:22

500 ettari di nuovi impianti di nocciolo in 5 anni: Ferrero e Ascopiemonte siglano il primo accordo di filiera regionale

La durata dell’accordo è di 20 anni e si protrarrà fino alla campagna agraria 2037; l’impegno da parte di Ferrero è di acquistare il 75% della produzione generata dai nuovi impianti, il rimanente 25% rimarrà cedibile sul libero mercato

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

A 3 mesi dal lancio del Progetto Nocciola Italia promosso da Ferrero Halzelnut Company, divisione interna del Gruppo Ferrero dedicata alla nocciola, è stato siglato giovedì 28 giugno il primo accordo di filiera del Piemonte.

L’accordo tra Ferrero Hazelnut Company e Ascopiemonte, l’organizzazione di produttori di frutta a guscio che oggi raggruppa 600 soci con oltre 3 mila ettari di noccioleti specializzati, sancisce l’avvio per i primi nuovi impianti di nocciola nel territorio piemontese con l’obiettivo di raggiungere entro il 2023 una superficie di 500 ettari di nuove piantagioni corilicole sul territorio regionale.

Il progetto di filiera prende forma dallo sviluppo dei seguenti punti cardine: la durata dell’accordo è di 20 anni e si protrarrà fino alla campagna agraria 2037; l’impegno da parte di Ferrero è di acquistare il 75% della produzione generata dai nuovi impianti, il rimanente 25% rimarrà cedibile sul libero mercato; il prezzo di acquisto base verrà strutturato ponderando i costi di produzione, sommati al margine di impresa, con il mercato internazionale.

Al prezzo di acquisto sarà aggiunta una remunerazione in base alla qualità e alla varietà delle nocciole prodotte; in caso di forte contrazione del mercato internazionale, tale da generare un prezzo di vendita inferiore ai costi di produzione, si attiverà il meccanismo di salvaguardia dell’investimento, ovvero saranno remunerati i costi di produzione ai quali dovrà essere aggiunta la valorizzazione della varietà e qualità specifica. saranno messi a disposizione della filiera nascente percorsi formativi per i tecnici delle aggregazioni che sigleranno l’accordo di filiera e un software gestionale per la strutturazione e il monitoraggio del progetto.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium