/ Fashion

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Che tempo fa

Cerca nel web

Fashion | domenica 05 novembre 2017, 05:00

Il cambio degli armadi, 5 consigli per affrontarlo al meglio

Molte volte mi capita di sentire commenti sprezzanti su chi dedica troppo tempo alla scelta del proprio guardaroba

Non chiamatelo solo cambio degli armadi! 

Uno studio della Northwestern University (Stati Uniti) condotto dal professor Adam Galinsky e pubblicato sul “Journal of Experimental Social Psychology” ha dimostrato il fenomeno della “enclothed cognition”: cioè di come l’abbigliamento abbia effetti sui processi cognitivi. Molte volte mi capita di sentire commenti sprezzanti su chi dedica troppo tempo alla scelta del proprio guardaroba; spesso queste persone vengono considerate frivole o superficiali, in realtà è proprio il contrario, superficiale è l'atteggiamento di chi pensa che quello che scegliamo di indossare non abbia alcun effetto su di noi.

Secondo questo studio americano le due componenti più importanti sono il significato simbolico che attribuiamo ad un determinato capo d'abbigliamento ed il fatto di indossarlo veramente (cioè non basta acquistarlo). Hanno chiesto a 58 studenti di sottoporsi a un test di attenzione selettiva: quelli ai quali è stato chiesto di mettersi addosso un camice bianco, hanno risposto al quiz in maniera più precisa rispetto a quelli che non lo indossavano; d'altro canto però quando ad alcuni volontari è stato detto che il camice apparteneva ad un pittore (quindi non un capo da laboratorio) le risposte sono state meno brillanti rispetto agli altri; inoltre avere il camice solo appoggiato alla scrivania non determinava una performance migliore, era necessario averlo addosso per un risultato più soddisfacente.

Quante volte abbiamo sottovalutato l'effetto che può avere la scelta di ciò che indossiamo, non solo sugli altri, ma anche su noi stessi?

Scegliere un determinato abbigliamento può davvero aiutarci a "calarci nella parte". Anche il cambio degli armadi viene spesso considerato solo una noiosa faccenda domestica, dimenticando invece il potere che può avere un riordino fatto con consapevolezza, dove per riordino non si intende tanto l'ordine fine a se stesso quanto più l'ordine mentale che possiamo raggiungere scartando gli abiti che rappresentano chi non siamo più o che non vogliamo essere e scegliendo capi che parlano di chi siamo o di chi vogliamo diventare.

L'armadio è un luogo molto privato e personale dove si riuniscono tratti molto diversi della nostra personalità: lavoro, tempo libero, sport, famiglia, ad ogni occasione riserviamo look diversi. Analizzando la quantità di abiti riservati ad ogni attività, possiamo capire quanto questa area è importante nella nostra vita e quanto spazio, mentale ma anche fisico, gli dedichiamo.

Ecco allora 5 consigli per un cambio degli armadi "intelligente" (dal latino intelligĕre, cioè comprendere, ovvero che ci comprende):

1) Tirate fuori tutto, ma proprio tutto (l'ideale sarebbe tirare fuori anche gli abiti che ci son in giro per casa, ad es. quelli messi a lavare o da riparare, o quelli situati in altre stanze per svariati motivi), come primo passo è importante quantificare quanti vestiti abbiamo;  a questo punto create una prima macro suddivisione in gruppi: le maglie, i pantaloni, le t-shirt, le gonne, le giacche, ecc... questo ci serve per avere subito a colpo d'occhio se c'è carenza o eccesso di una determinata tipologia di vestiario.

2) Ora analizzate ogni singolo gruppo e sforzatevi in questo secondo step di abbandonare quegli abiti che avete già sfruttato e che appaiono consumati e sdruciti, vi hanno accompagnato per un tratto di vita, ma è davvero necessario dargli il giusto riposo.

Ringraziateli per il servigio che vi hanno reso, salutateli e riponeteli in una borsa destinata ai cassonetti di riciclo per abiti usati, avranno così nuova vita. Se invece trovate abiti che non mettete più ma per i quali avete un legame affettivo raggruppateli e collocateli in un posto ben preciso, tipo un baule dei ricordi.

Se però la situazione vi sfugge di mano e vorreste tenere tutto, sforzatevi di discernere l'oggetto per cui provate attaccamento dall'esperienza che vi ricorda, perché in realtà è quella esperienza di cui avete nostalgia o di cui volete preservare il ricordo...non l'oggetto in sé. Se davvero temete che eliminato il capo (il vestito che indossavate al vostro primo appuntamento) possa sparire anche il ricordo, fotografatelo e raccoglietelo in un album che occuperà molto meno spazio e la sua memoria sarà preservata.

3) Ora, dopo aver riposto gli abiti dei ricordi del passato, potrete concentrarvi sul vostro io del futuro, ovvero su come volete apparire e chi desiderate diventare, quindi date una posizione comoda e accessibile a tutti quegli abiti che vi fanno stare bene e che sono in linea con il vostro io ideale. Controllate prima quali sono le tendenze di questo autunno inverno 2017/2018, potrete scoprire di avere abiti, scarpe, borseaccessori che sono tornati di moda.

4) Dividete gli abiti per occasioni d'uso, inutile avere nello stesso posto tute per la palestra e giacche per l'ufficio, molto meglio dedicare un'area definita per ogni tipologia d'abbigliamento, se lo spazio non è sufficiente, basterà collocarli in una scatola "a tema", tanto più se sono abiti che utilizziamo solo una tantum.

5) Stilate una "wish list". Una volta eliminato il superfluo (i capi da buttare o da regalare), aver preparato la borsa dei capi da aggiustare (che porteremo in giornata alla nostra sarta di fiducia), possiamo stilare una lista di quei capi "must have" che non dovrebbero mai mancare in un guardaroba ma che ahimè non sono presenti nel nostro armadio o che semplicemente mancano per completare un outfit.

Un trucco che vi farà risparmiare tempo è realizzare degli abbinamenti già pronti da utilizzare in caso di emergenza.

Non dimenticate, ora che avrete ricavato un po' di spazio, di investire sulla vostra nuova immagine. Visto il Natale imminente, la wish list vi sarà utilissima quando vi chiederanno cosa vi piacerebbe ricevere.

Scegliete abiti che vi rappresentino e lasciatevi andare al colore e alle novità, la moda è espressione di sé, gioco e divertimento, fate in modo di trovare ciò che più vi fa gioire.

Il cambio degli armadi è un occasione per lasciare andare il vecchio e proiettarsi verso il nuovo.

"Gli abiti sono inevitabili. Essi non sono altro che la struttura della mente resa visibile." (James Laver) 

 

Per qualsiasi informazione, consiglio o approfondimento, contattami sulla mia pagina Facebook:

Alessandra Canelli - Shopping for Harmony - https//www.facebook.com/shoppingforharmony/

Sarò felice di risponderti!

Diritto d'autore: <a href='https://it.123rf.com/profile_ninamalyna'>ninamalyna / 123RF Archivio Fotografico</a>

Alessandra Canelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore