/ Curiosità

Curiosità | 12 febbraio 2020, 15:03

Cuneo ripensa il "caffè letterario" della nuova biblioteca: "Sì servizio di somministrazione, ma anche elemento di un progetto culturale"

Una variazione al bilancio della città, presentata dall'assessore Manassero nella serata di lunedì 10 febbraio, vede destinare una cifra di 90mila euro dal 2019 al 2021

Foto generica

Foto generica

Poco meno di 90mila euro: è questo il valore – da “spalmare” negli anni dal 2019 al 2020 – che il Comune di Cuneo ha previsto di destinare allo sviluppo del servizio di caffè letterario presente nella struttura di palazzo Santa Croce.

La notizia è stata data dal vicesindaco Patrizia Manassero nella serata di lunedì 10 febbraio, durante la commissione dedicata all’illustrazione di alcune significative variazioni al bilancio presentato a dicembre 2019 (e approvato nell’ultimo consiglio comunale dell’anno scorso).

Obiettivo dello stanziamento, la creazione di uno spazio per eventi culturali: “Dalle biblioteche, per il 2019, sono arrivati dati importanti e positivi, che dimostrano l’affezione della cittadinanza al servizio – ha specificato Manassero - . L’intenzione è quindi quella di rendere il caffè letterario sì un servizio di somministrazione, ma anche un pezzo importante di un progetto culturale vero proprio, con risvolti in tutta la città: come Comune abbiamo deciso di accettare la proposta di Finpiemonte di intercettare questi fondi europei, con successo”.

In sede di commissione i consiglieri “Beppe” Lauria e Nello Fierro hanno avanzato alcune osservazioni in merito al servizio del caffè letterario. 

Si tratta chiaramente di un progetto fallito, visto che il primo bando per la gestione è andato deserto, e bisognerebbe interrogarsi su cosa sia andato storto – ha commentato Lauria, ricordando appunto la debacle del 5 maggio 2017, e mettendo in discussione l’intera operazione “nuova biblioteca”: “Piuttosto che tenerci un servizio forse zoppicante ma comunque funzionante, abbiamo deciso di spostarlo a palazzo Santa Croce con una spesa importante, e la futura prospettiva di ulteriori. Ora abbiamo un bel contenitore, ma funziona davvero?

Fierro, invece, ha sottolineato il recente lancio di un bando per l’individuazione di una figura a tempo determinato che lavori al caffè letterario: “Il denaro dei fondi europei serve a coprire questa spesa? O per altro?”

Le variazioni di bilancio presentate in commissione – questa compresa – verranno discusse e presentate nel corso del consiglio comunale di febbraio, in programma lunedì 17 e martedì 18.

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium