/ Peccati di... gula

Spazio Annunci della tua città

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

In Breve

Che tempo fa

Cerca nel web

Peccati di... gula | domenica 10 marzo 2013, 15:44

Peccati di Gula: che bello mettersi insieme! Seconda lezione con il Tartufo Nero

A Scagnello vogliono che il Tartufo Nero De.Co. si mangi tutto l’anno.

Edoardo Bresciano e Annibale Torelli (Foto di Sergio Rizzo)

La vera novità in tema di “lavorare insieme” l’amministrazione di Scagnello l’ha presentata prima di cena, durante il convegno che tradizionalmente la anticipa.  “Il Tartufo Nero e la gastronomia” ha messo sul piatto un problema. La stagione di raccolta dura da dicembre a marzo, ma per il resto dell’anno si può ancora mangiare?

Una prima risposta e anche piuttosto efficace l’ha data Marco Auref, oltre che presidente della Pro Loco anche ottimo panificatore in quel di Mombasiglio. Dopo una serie di prove ha messo in produzione i “Tartufelli”, ovvero eccellenti grissini nel cui impasto viene utilizzato il Tartufo Nero di Scagnello. Prima che qualcuno lo chieda, lo preciso. Non c’è olio, non ci sono aromi di tartufo, solo Tartufo.

Ora l’amministrazione vuole fare un passo in più. Ivo Borgna, sindaco e Annibale Torelli, vicesindaco hanno presentato un progetto unico che se andrà in porto potrà davvero essere d’esempio per tutti.

Partendo dalla considerazione che il Tuber Melanosporum dà il meglio di sé cucinato insieme alla carne e attingendo un po’ dalla tradizione francese che in questo ambito “docet”, gli scagnellesi si sono messi in contatto con Edoardo Bresciano, allevatore di oche in Savigliano. A differenza dei francesi però a Cascina Peschiera le oche vivono all’aperto, allo stato brado e di sicuro non vengono ingozzate, né ingrassate forzosamente.  

Tartufo e carne d’oca sono state consegnate nelle sapienti mani di Fabio Poppa, chef di Sapori in Movimento di Savigliano (adesso forse non c’entra, ma questo è un ristorante da tenere bene a mente. Bel luogo, ottimo cibo). Poppa ha elaborato diverse ricette di paté alla ricerca dell’equilibrio perfetto tra i due ingredienti.

Il parere finale è stato affidato a chi venerdì sera è intervenuto al convegno. Il paté di oca con Tartufo Nero di Scagnello De.Co. è piaciuto a tutti. Sulla base di questo parere unanime molto presto verrà messo in produzione, invasettato e distribuito.

E grazie a un comune, un allevatore e uno chef (che sanno collaborare) potremo averlo tutti in tavola tutto l’anno!!

Così si fa!

 

 

paola gula peccatidigula@targatocn.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore