/ Attualità

Attualità | 30 giugno 2020, 07:15

Cuneo: partiti oltre 30 progetti con il Tempo Estate, ma i fondi della Regione ancora latitano

Ieri sera (lunedì 29 giugno) la discussione in consiglio comunale a partire dall'interpellanza del Partito Democratico; dal governo oltre 134mila euro, che vanno ad aggiungersi ai 150mila messi a bilancio

Foto generica

Foto generica

Le premesse per l’apertura dei centri estivi erano ben poco favorevoli, ma il lavoro realizzato dal Comune e dall’ASL e dalle associazioni coinvolte è stato più che soddisfacente”. Il consigliere comunale Carmelo Noto (PD) non ha dubbi: lo sforzo messo in campo dalla Giunta per la riapertura del servizio di sostegno alle famiglie è stato encomiabile.

La questione è stata trattata ieri sera (lunedì 29 giugno) in consiglio comunale, grazie alla discussione di un’interpellanza firmata dal gruppo del Partito Democratico, che a due settimane di distanza dall’apertura delle attività – avvenuta lunedì 15 giugno – ha cercato di fare il punto sui progetti partiti e sullo “stato dell’arte” in merito ai fondi stanziati da Regione e Governo.

- GLI INTERVENTI DEI CONSIGLIERI

Polemici – pur condividendo la soddisfazione per aver assicurato il servizio a dispetto delle difficoltà del momento - gli interventi dei consiglieri Nello Fierro e “Beppe” Lauria.

Se il primo ha sottolineato la povertà di ore di attività degli assistenti all’autonomia messa in campo da Cuneo rispetto a quelle di altri comuni, il secondo ha puntato il dito contro le attività di sanificazione dei locali: “Se il Comune si vanta di mettere a disposizione degli spazi dovrebbe assicurarsi della loro idoneità: alcuni spazi sono stati sanificati la settimana successiva all’inizio delle attività. Appare poi evidente che nessuna iniziativa si sarebbe realizzata senza il bando di sostegno della Fondazione CRC”.

- LE RISPOSTE DEGLI ASSESSORI
Franca Giordano e Cristina Clerico hanno risposto alle domande dei consiglieri.

La prima ha sciorinato alcuni dettagli in merito ai numeri; i progetti attivati dal 15 giugno sono 31 in totale, a cui se ne aggiungeranno presto 7 in capo alle scuole paritarie del Comune: di questi, 10 sono rivolti ai bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni e 21 a quelli tra i 6 e gli 11. Dal punto di vista dei fondi ricevuti, superano la quota di 134mila euro quelli del governo, che vanno ad aggiungersi ai 50mila disponibili nel bilancio comunale e ai 100mila che proprio ieri sera sono stati varati come variazione di bilancio per un totale complessivo di 284mila euro. Dalla Regione, per ora, nessun intervento in tal senso.

Sul tema della disabilità abbiamo previsto 100mila euro di costi, assegnando un minimo di 2 settimane di assistenza all’autonomia per 4 ore al giorno e un pasto gratuito e facendo in modo di garantire un servizio il più equo possibile per tutte le famiglie. Il tempo a disposizione si potrà estendere in base alle richieste ricevute – ha specificato Giordano - . Previsto appena possibile il lancio di un bando per le famiglie che non hanno avuto accesso al sostegno dell’INPS, o l’hanno avuto in minima parte”.

Igienizzazione e sanificazione sono state realizzate come previsto, con il rispetto di tempi e modi – ha aggiunto Clerico - . Importante l’aspetto della competenza assicurata dalla formazione resa disponibile dal Comune, che ha coinvolto 530 soggetti. L’intervento della Fondazione CRC, poi, completa l’offerta del territorio, che ha lavorato (questa volta come in tante altre) di concerto e al massimo delle proprie capacità”.

simone giraudi

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium