/ Sport

Sport | 14 novembre 2021, 20:00

Volley A1F. Conegliano è nella storia: l'Imoco batte Cuneo 3-2 e centra la 73ª vittoria. Ma che bella questa Bosca San Bernardo!

Trascinate da un'inarrestabile Paola Egonu le Pantere espugnano il campo piemontese al tie break ed appaiano la squadra turca del Vakifbank. Grande prova di carattere delle cuneesi

La Bosca San Bernardo Cuneo esulta: ha messo alle corde le campionesse di Conegliano (Foto Danilo Ninotto)

La Bosca San Bernardo Cuneo esulta: ha messo alle corde le campionesse di Conegliano (Foto Danilo Ninotto)

Conegliano ottiene la 73ª vittoria consecutiva ed entra nella storia del volley internazionale, ma quanta fatica per Egonu e compagne contro una Bosca San Bernardo Cuneo mai doma ed in grado di mettere alle corde le campionesse di tutto fino al quinto set! Di fronte al tutto esaurito del palasport di San Rocco Castagnaretta, la squadra di coach Pistola ha messo in campo anima e cuore, mae alla fine ha prevalso il maggior tasso tecnico e l'esperienza delle venete, trascinate da una grande Pala Egonu, Mvp dell'incontro con 27 attacchi a terra su 55 palle (49%), ma anche 2 muri.

Cuneo si è trovata avanti 2-1 nel computo dei set, ma una volta raggiunto il tie break le Pantere dell'Imoco non hanno lasciato scampo alle avversarie, in grado di reggere solo fino verso la metà del quinto set:  "La capacità tattica e tecnica di alcune giocatrici di Conegliano e, purtroppo, ancora qualche errore di troppo da parte nostra è stato ciò che ha fatto la differenza - ha commentato alla fine l'allenatore di Cuneo, Andrea Pistola - La squadra però sta crescendo e di questo siamo contenti". 

"Paola (Egonu ndr) è di un altro mondo e gliene va dato merito - ha detto una soddisfatta Federica Stufi - ma abbiano espresso un bel gioco, nonostante gli errori. Si rischia tanto, quindi ci sta"

Coach Pistola parte ancora una volta dando fiducia alla russa Kuznetsova in campo a far coppia con l'olandese Jasper nel ruolo di schiacciatore-ricevitore. Diagonale confermata Signorile-Gicquel come palleggiatore-opposto, il tandem di centrali Squarcini-Stufi ed il libero Spirito. Dall'altra parte della rete Santarelli chiama Giulia Gennari in palleggio con Egonu opposto, Omoruyi e Courtney schiacciatori-ricevitori, al centro De Kruijf e Vuchkova con libero Caravello. Nel corso del match Santarelli ha poi inserito la polacca Wolosz in palleggio al posto di Gennari (tenuta fuori per scelta tecnica all'inizio), che insieme con Egonu ha radicalmente cambiato il volto del match.

PRIMO SET. Subito una partenza molto equilibrata tra le due squadre, che si confrontano a viso aperto fino all'errore in attacco di Gicquel che consegna il primo break point a Conegliano sul 7-9, ma la francese si fa immediatamente perdonare con il mani-oUt che riconsegna  la parità (9-9), poi c'è il primo vantaggio per Cuneo sul 10-9 propiziato da Kutznetsova. Arriva l'errore di Egonu ed è break point piemontese sul 12-10. Anche l'azzurra si riscatta e segna il 12-12. Emozioni a raffica, arriva il muro del tandem Kutznetsova-Stufi e Cuneo torna avanti di due punti (15-13), poi al termine di una spettacolare quanto interminabile azione De Kruijf riporta Conegliano sul 16-16. Muro veneto: 16-17 e primo time out di Pistola. Kuznetsova è scatenata e sul ribaltamento di scena (20-19) c'è il time out Imoco) Sbaglia Egonu e siamo 21-20 Cuneo. Il pubblico s'infiamma. la Gicquel porta Cuneo al set ball (24-22), poi chiude Stufi per l'1-0 delle gatte. 

SECONDO SET. Conegliano trova il primo break sul 2-4 e Pistola interrompe subito il gioco. Le sue ragazze rientrano come furie: Gicquel firma la parità (4-4), Kutznetsova dalla linea di fondo segna l’ace del sorpasso, poi Egonu sbaglia il diagonale che porta Cuneo avanti 7-5. L’Imoco pareggia immediatamente (7-7), ma Cuneo è scatenata: Stufi dal centro per il nuovo +2 biancorosso  (9-7), ma poi c’è un attimo di sbandamento e le venete ne approfittano per ribaltare la situazione. Sul 14-16 c’è il time out per Pistola, ma al rientro arriva il muro di Conegliano sulla Kutznetsova che porta l’Imoco sl 17-14. Entra Giovannini, ma è ancora Conegliano con Egonu ad andare a segno: 18-14. Il set si per Cuneo finisce qui: Pistola effettua una girandola di cambi, ma le Pantere nel turno al servizio di De Krujif mettono a segno una serie impressionante di punti che le porta al set bal sul 24-14. Chiude al primo tentativo per il 15-25.

TERZO SET. Cuneo non paga il contraccolpo e torna più determinata che mai a giocarsela fino in fondo: il delizioso lungolinea di Jasper firma il doppiaggio biancorosso sul punteggio di 8-4, ma il vantaggio delle piemontesi aumenta ancora (11-6) col pallonetto lungo di Kutznetsova. C'è il time out di Santarelli e le parole del tecnico veneto sortiscono l'effetto desiderato: Egonu recupera un break (11-8), Kutznetsova da posto 4 sbaglia il diagonale del 10-12 e Gicquel la pipe che riporta sotto Conegliano: 11-12, time out Cuneo. Al ritorno in campo le gatte si rimettono in marcia: è di Kutznetsova il 14-11, poi è una guerra di nervi con cambi palla a ripetizione fino all'attacco centrale di Squarcini che firma il +4 biancorosso sul 21-17. Santarelli gioca il suo ultimo time out a disposizione, mentre sul punteggio di 22-19 Pistola rinforza la ricezione inserendo Giovannini (per Kutznetsova) che difende una palla importantissima chiusa da Jasper (23-19). Il diagonale di Stufi (25-20) porta Cuneo sul 2-1.

QUARTO SET. L'entusiasmo di aver già incassato un punto contro le campionesse d'Italia gioca un brutto scherzo alle cuneesi che rientrano in campo tese e contro mostri sacri come quelli che ha al proprio interno la squadra di Conegliano ciò si paga caro: sul 2-9 coach Pistola ha già esaurito i time out a disposizione. Le gatte però riordinano le idee: va in battuta Kutznetsova e piazza due ace, mentre Squarcini fa il resto: siamo 6-9 ed il set sembra riaperto. Dalla linea di fondo Cuneo c'è: un altro ace di Stufi (11-13), ma poi Kutznetsova giudica male una palla in campo su servizio di De Krujif e l'Imoco torna avanti di 4 punti (11-15). Egonu dalla seconda linea affonda il colpo (12-17) e si prende la squadra sulle spalle mettendo a terra anche il punto del +5 veneto (15-20). Cuneo non molla: Stufi da posto 4 segna il -3 (17-20), ma è troppo tardi: l'errore di Squarcini (18-25) porta le squadre al tie break.

QUINTO SET. Il primo punto del tie break è di Cuneo con Gicquel, poi le squadre giocano un testa a testa che s'interrompe solo sulla palla schiacciata fuori da Stufi: 6-8 e time out di Pistola. C'è spettacolo in campo, ma prevale la classe di Paola Egonu che costringe il coach cuneese al secondo time out dopo il suo punto del 7-10. Cuneo rientra deconcentrata. Squarcini sbaglia un attacco, Gicquel si prende un muro e siamo 7-12 per Conegliano che chiude 8-15.

BOSCA SAN BERNARDO CUNEO-PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO 2-3 (25-22/15-25/25-20/18-25/8-15)

BOSCA SAN BERNARDO CUNEO: Kutznetsova 23, Squarcini 12, Spirito (L), Giovannini, Zanette 1, Agrifoglio, Gicquel  16, Signorile 2, Caruso, Jasper 11, Gay, Stufi 12. CUNEO: ric. 65% (49% perfette), att. 37%, muri 5, aces 4, batt. sb. 13, errori 33

Cesare Mandrile

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium