/ Attualità

Attualità | 18 maggio 2022, 08:57

"Ci rivolgiamo a voi, candidati sindaci, per chiedervi un impegno concreto: l’istituzione di un Assessorato con delega alla Pace"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera a nome della comunità Papa Giovanni XXIII operativa in Granda da circa 40 anni

"Ci rivolgiamo a voi, candidati sindaci, per chiedervi un impegno concreto: l’istituzione di un Assessorato con delega alla Pace"

Egregi candidati a Sindaco,

Nel 2001 in una lettera all’allora Presidente del Consiglio, Don Oreste Benzi, fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII, scrisse “Da quando l’uomo esiste ha sempre organizzato la guerra. È arrivata l’ora di organizzare la pace”.              Purtroppo questo auspicio non si è avverato, l’uomo continua a pianificare la guerra, basti vedere oltre alla crisi in Ucraina quanti sono i conflitti aperti in varie parti del mondo.                                                                                                                       

Noi, della Comunità Papa Giovanni XXIII, pensiamo però che si possa cambiare e che la pace debba costruirsi giorno per giorno nella realtà in cui viviamo, partendo dalle nostre città.

Per questo ci rivolgiamo a voi, candidati sindaci, per chiedervi un impegno concreto: l’istituzione di un Assessorato con delega alla Pace.                                            

Crediamo infatti, ora più che mai, che sia necessario dotarsi di uno strumento istituzionale affinché la costruzione della pace e la difesa dei diritti di ogni uomo diventino parte integrante dello sviluppo del nostro territorio e di conseguenza del nostro Paese.

Molti sono i temi di cui si potrebbe occupare L’Assessorato alla Pace, ad esempio:

-         adesione e sostegno alla campagna “Italia Ripensaci” affinché anche l’Italia firmi e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari e alla campagna per l’istituzione del Ministero della Pace;

-         adesione e sostegno alla campagna “Dividendo per la pace”, proposta da 50 scienziati e premi Nobel per una riduzione concordata tra gli Stati Onu del 2% ogni anno delle spese militari che renderebbe disponibili risorse enormi per la lotta contro il cambiamento climatico e le disuguaglianze;

-         promozione di una cultura di pace e studio della nonviolenza nelle scuole favorendo lo studio della Costituzione Italiana e della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;

-         organizzazione di eventi per la pace e la giustizia, mirati a sviluppare la solidarietà tra i cittadini e la lotta alle disuguaglianze presenti anche nella nostra provincia;

-         monitoraggio delle aziende che nel territorio si occupano di produzione diretta e indiretta di materiale bellico con la richiesta di conversione;

-         realizzazione di un Festival annuale della Pace dove coinvolgere realtà educative, sociali e organizzazioni del nostro territorio.

Grandi sfide di convivenza ed evoluzione della nostra società ci attendono nei prossimi anni e dobbiamo essere pronti ad affrontarle perché non siano causa di conflitto e divisioni ma opportunità di crescita e sviluppo solidale.                              

Per questo chiediamo a chi si candida al governo di ogni singola città o paese di assumersi l’impegno di costituire l’Assessorato alla Pace.

Per la comunità Papa Giovanni XXIII                           

Luca Marenchino

Enzo Pesce

 

 

Al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium