/ Cronaca

Cronaca | 04 ottobre 2022, 19:03

L’ex primario della Chirurgia al Santo Spirito di Bra la vittima dell’incidente in montagna al Roc della Niera

L'allarme lanciato alle 16 dai compagni di escursione. Purtroppo vano l’intervento dei soccorritori. Per l'uomo, classe 1950, chirurgo originario di Genova ma residente a Cherasco, non c'è stato nulla da fare. Per quasi 15 anni aveva lavorato al S. Croce di Cuneo, prima di assumere la guida del reparto braidese

Il dottor Marco Valente, ex primario della Chirugia braidese

Il dottor Marco Valente, ex primario della Chirugia braidese

Tragedia in montagna nel pomeriggio di oggi, martedì 4 ottobre. Un alpinista ha perso la vita precipitando durante un’escursione ai 3mila metri di altitudine del Roc della Niera, in territorio francese.

L'allarme è stato lanciato dai compagni di escursione intorno alle 16, sul posto sono intervenuti i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese con il Servizio Regionale di Elisoccorso.

L'eliambulanza che ha sbarcato l'équipe sanitaria e il tecnico del Soccorso Alpino, ma tutte le manovre per rianimare il paziente non hanno avuto purtroppo esito.

Nel frattempo è stata elitrasportata sul luogo dell'incidente una squadra a terra del Soccorso Alpino che ha collaborato al recupero dei compagni di escursione e ha preso in custodia la salma in attesa dell'autorizzazione alla rimozione.

I soccorritori della gendarmeria sono intervenuti verso le 18 su Roc della Niera, dal versante francese. Le operazioni di recupero della salma sono state poi portate avanti dagli operatori del soccorso alpino italiano.

Sotto il coordinamento dei Carabinieri e in seguito al confronto con le autorità francesi, poiché la vittima si trovava in zona di confine, il magistrato ha autorizzato il recupero, che è stato effettuato dall'eliambulanza che ha consegnato la salma ai militari dell'Arma per le operazioni di polizia giudiziaria.

La salma è stata condotta presso la camera mortuaria dell'ospedale di Saluzzo.

A perdere la vita Marco Rodolfo Valente, classe 1950, medico originario di Genova ma residente da tempo a Cherasco. Ormai in pensione, fino a pochi anni fa l’uomo aveva guidato la Divisione Chirurgica dell’Ospedale “Santo Spirito” di Bra dopo aver lavorato al "Santa Croce" di Cuneo dal 1979 al 1993, quando aveva assunto la guida della struttura braidese. Nel 2012 il tributo conferitogli dalla "città delle paci" con la consegna del premio "Cheraschese dell’anno".

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium