/ Attualità

Attualità | 21 giugno 2018, 13:01

Mondovì non censirà gli edifici vuoti e inutilizzati

Respinto l'ordine del giorno dei consiglieri Magnino, Tarolli e D'Agostino. Il sindaco: "Questi dati li abbiamo già ricavati dalle tasse"

Mondovì non censirà gli edifici vuoti e inutilizzati

Mondovì non effettuerà il censimento degli edifici vuoti e inutilizzati: questa è la decisione adottata dal Consiglio comunale, che ha respinto a maggioranza l'ordine del giorno dei consiglieri Paolo Magnino(Partito Democratico), Stefano Tarolli (Mondovì a Colori) e Luciano D'Agostino (Mondovì Attiva).

"Chiediamo un censimento mirato e capillare degli edifici (pubblici e privati) sfitti, vuoti e inutilizzati esistenti in città e nelle frazioni del Comune, verificandone zona per zona la quantità, la metratura, la destinazione d'uso, lo stato di manutenzione e di fatiscenza": una richiesta che dunque non troverà risvolti positivi, in quanto ritenuta "inutile" dal sindaco, Paolo Adriano.

"In verità i dati ce li abbiamo già dall'Imu, dalla Tasi e dalla Tari - ha asserito -. Non avrebbe senso andare casa per casa a verificare i vari parametri. Chi lo farebbe? Dovremmo incaricare uno studio e spendere soldi pubblici o affidare il compito ai nostri uffici, affossandoli ulteriormente?".

Non soddisfatto Tarolli: "Era l'occasione per dare un segnale, in quanto c'è la necessità di tutelare il nostro suolo e, soprattutto, perché la sensibilità politica sul tema è andata aumentando rispetto a venti o trent'anni fa".

Alessandro Nidi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium