/ Economia

Economia | 13 marzo 2020, 19:21

Ferrero, da lunedì in ferie metà degli operai dello stabilimento di Alba

La decisione presa oggi dall'azienda, a tutela degli addetti. Fermo parziale anche per l’impianto milanese di Pozzolo Martesana

Lo stabilimento albese della Ferrero (foto Andrea Boano)

Lo stabilimento albese della Ferrero (foto Andrea Boano)

Forza lavoro ridotta della metà nello stabilimento di Alba e del 25% in quello milanese di Pozzuolo Martesana.
E’ quanto ha appena deciso la multinazionale dolciaria per garantire la sicurezza del lavoro dei propri addetti anche in linee e reparti produttivi nei giorni dell’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus.

La riduzione del lavoro nei due stabilimenti – sui quattro coi quali il gruppo opera in Italia (gli altri sono quelli di Balvano, in Basilicata, e di Sant’Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino) – verrà applicata a partire dalla prossima settimana, con lo strumento del ricorso alle ferie per le migliaia di addetti coinvolti (4mila, complessivamente, i dipendenti del solo polo albese).

La misura fa seguito ai provvedimenti che hanno già interessato il personale impiegatizio, che per larga parte sta ormai da qualche giorno operando in modalità "smart working", e quelli già adottati da inizio settimana presso lo stabilimento di Alba, con misure quali il raddoppio della portineria e delle linee di bus destinate agli operai e lo sfalsamento nei turni di lavorazione di alcuni reparti.

"Ferrero – fa sapere il gruppo in una nota – continua a monitorare la situazione, si attiene rigorosamente alle disposizioni governative e, là dove è in grado di farlo, va oltre, con la mente sempre rivolta all’emergenza presente, ma anche al futuro, quando l’Italia sarà chiamata a ripartire nell’interesse di tutti".

Ezio Massucco

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium