/ Sanità

Sanità | 20 luglio 2021, 13:43

Donato un ventilatore alla Tin di Cuneo in memoria di Nicola Gaiero, compianto presidente dei commercialisti (VIDEO)

L'inaugurazione del macchinario è avvenuta questa mattina, martedì 20 luglio, di fronte all'ingresso della Terapia intensiva neonatale dell'ospedale Santa Croce e Carle. La donazione è stata fatta da parte dell'Ordine dei commercialisti. Gaiero è scomparso nel novembre scorso a soli 59 anni

La donazione del ventilatore alla Tin dell'ospedale Santa Croce di Cuneo, in memoria di Nicola Gaiero

La donazione del ventilatore alla Tin dell'ospedale Santa Croce di Cuneo, in memoria di Nicola Gaiero


Nicola Gaiero amava i bambini ed è scomparso a causa di problemi respiratori. Per questo ha un grande significato il gesto concreto di donare un ventilatore alla Terapia intensiva neonatale dell'ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo”. Dichiarazioni di grande stima e affetto da parte di Maurizio Grosso, presidente della Fondazione Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cuneo.

L'inaugurazione del macchinario è avvenuta questa mattina, martedì 20 luglio, di fronte all'ingresso della Tin. La donazione è stata fatta da parte dell'Ordine dei commercialisti in memoria del compianto presidente, scomparso prematuramente nel novembre scorso a soli 59 anni.

Era presente anche la figlia Martina che ha espressamente chiesto di concretizzare questo atto di generosità in uno strumento che potesse avere un fil rouge con l'evento che ha tolto la vita al papà.

Il responsabile della Neonatologia Antonio Delogu: “Questo ventilatore ci sarà utile per soccorrere i bambini nati prematuri nei punti nascita di Mondovì, Verduno, Savigliano e Pinerolo. Con il ventilatore possiamo sostenere un bimbo nato prematuro e soccorrerlo nel posto in cui è nato. Garantisce sia la ventilazione invasiva tramite intubazione che quella non invasiva nel caso in cui il neonato respiri da solo e abbia bisogno di essere sostenuto nella respirazione”.

Nadia Castellino, responsabile della Struttura semplice del Trasporto: “Tutto questo sistema rappresenta un'unità mobile di rianimazione. C'è l'incubatrice che scalda il bimbo e lo tiene alla giusta temperatura, il ventilatore che aiuta nella respirazione, il monitor parametri vitali, delle pompe infusionali, e due zaini con tutto l'occorrente per fare procedure anche d'urgenza sul bambino. In questo modo siamo completamente autonomi. L'incubatrice viene poi caricata su un'ambulanza predisposta per il trasporto neonati. Questo ventilatore può garantire anche il trasporto del lattante, dopo il primo mese di vita e fino a sei mesi, e fino a 6 kg di peso”.

All'inaugurazione era presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera “S. Croce e Carle” di Cuneo Elide Azzan: “Con questo strumento diventiamo davvero efficienti sul trasporto neonatale su tutta la rete regionale, sia in entrata che in uscita. Come azienda ospedaliera facciamo circa 1.700 parti l'anno, e sono un'ottantina i trasporti in entrata e in uscita. Il fatto di poter contare su strumentazioni di questo tipo è una garanzia. Grazie alla famiglia Gaiero e grazie all'Ordine dei Commercialisti”.

cristina mazzariello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium