/ Politica

Politica | 03 ottobre 2022, 15:06

Acque agitate nella Lega: Bossi lancia il “Comitato del Nord”

L’iniziativa del Senatur, ripescato in extremis in Parlamento, dà voce a quella parte del partito che da tempo mugugna sotto traccia nei confronti di Matteo Salvini e che ora, dopo il flop elettorale, vorrebbe rilanciare i temi dell’autonomia e del federalismo

Umberto Bossi a Pian del Re nel lontano 2002

Umberto Bossi a Pian del Re nel lontano 2002

 

Chissà se avrà presa nel Cuneese la proposta di Umberto Bossi, a pochi giorni dal suo ripescaggio in Parlamento, di dar vita ad un “Comitato del Nord” in seno al partito di cui è stato il fondatore.

Il Senatur, che ha superato gli 81 anni, resta un’icona per i leghisti autonomisti della prima ora.

Dopo l’annuncio, sono in molti in via Bellerio (ma anche nella Granda) a ritenere che, di fatto, si stiano aprendo le ostilità per la futura leadership di quello che un tempo era il Carroccio. 

L'iniziativa di Bossi dà sicuramente forza e impulso a chi dentro la Lega ritiene irrinunciabile il discorso dell'autonomia e un ritorno alle origini dopo il fallimento dell’esperienza nazionale.

La Lega di Salvini, infatti, non ha avuto consensi significativi nel Centro e nel Sud del Paese, dove l’ha fatta da padrone il Movimento 5 Stelle.

Per contro, forte è stata l’emorragia di voti nelle roccaforti del Nord dove la Lega ha dovuto cedere rilevanti quote di consenso a Fratelli d’Italia.

Non a caso ieri Salvini, per correre ai ripari, ha prontamente affermato che “questa sarà la legislatura che vedrà il varo delle autonomie”.

Nella Granda, dove Bossi veniva spesso e dove aveva scelto Pian del Re come luogo iconico per il rito dell’ampolla dell’acqua prelevata dalle sorgenti del Po e poi riversata nella laguna di Venezia, la notizia è stata accolta (per quanto sotto traccia) con interesse e favore.

Tuttavia, nessuno si sbilancia pubblicamente, in attesa di capire quali mosse faranno i governatori del Nord Est, Luca Zaia e Massimiliano Fedriga.

All’indomani del voto, nel partito c’è stato un pronunciamento unanime a favore del mantenimento della segreteria federale nelle mani del Capitano, ma il fuoco cova sotto la cenere.

Che cosa succederà nei mesi a venire è difficile prevederlo.

Ciò che si può ipotizzare è che si vada verso un cambio di denominazione del partito, col possibile (almeno parziale) ritorno alle radici.

Dopo la sconfitta, è infatti tramontato il sogno di Salvini di conquistare Palazzo Ghigi.

Il simbolo “Lega – Salvini premier” – alla luce dei risultati elettorali del 25 settembre – appare dunque superato oltre che inadeguato.

 

GpT

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium