/ Attualità

Attualità | 04 ottobre 2022, 17:05

Cuneo, nuovi dubbi sull'area ex Bongiovanni: "L'atto di trasferimento potrebbe non essere valido"

Non si ferma il contezioso, ormai più che quarantennale, tra Eurofim e Comune. Sturlese evidenzia la mancanza, nell'atto notarile firmato a novembre 2021, di alcuni beni esistenti

Il consigliere comunale Ugo Sturlese

Il consigliere comunale Ugo Sturlese

L'atto notarline firmato nel novembre dello scorso anno tra Comune di Cuneo ed Eurofim - riguardante il trasferimento dalla seconda al primo delle opere e dei beni compresi nel PEC R-4C come obblighi urbanistico-edilizi - non è valido?

A sollevare ombre sulla compiutezza del documento, che metterebbe però la parola fine al contenzioso più che quarantennale tra i due soggetti, è stato Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni). Che nel corso dell'ultimo consiglio comunale ha riportato l'attenzione sull'argomento, commentando poi a posteriori la discussione.

La storia quarantennale del "PEC R-4C"
Il "PEC R-4C" del Comune di Cuneo riguarda un'area di 44.390 metri quadri comprendenti piazza della Costituzione, via Einaudi, la rampa dell'est-ovest, corso Gramsci e via Bongiovanni.

Proprio Cuneo per i Beni Comuni, nel gennaio 2019, aveva sollevato la questione in una 'storica' commissione consiliare tenutasi in sala Vinaj, dove avevano fatto bella vista i numerosi faldoni con la documentazione vecchia di oltre quarant'anni.

Il contenzioso tra Eurofim e l'ente comunale prosegue sostanzialmente sin dal 22 luglio 1980. A novembre 2021 - tramite l'atto della cui validità il consgiliere Sturlese dubita - erano stati definiti gli obblighi urbanistico-edilizi ufficializzando il passaggio a titolo gratuito al Comune dell'area di piazza della Costituzione, il trasferimento delle opere di urbanizzazione primaria e la cessione dei posti auto a uso pubblico e, in un secondo momento, dei magazzini al di sotto della piazza.

Sturlese: "Rimangono i dubbi sull'abitabilità degli immobili nell'area"
"L'atto potrebbe non essere valido perché non cita nei beni trasferiti l'edificio mercatale di piazza Costituzione e quello prospiciente in via Einaudi che, nel catasto, ancora figurano come seminativi e irrigui" spiega Sturlese.

"Questi adempimenti andavano conclusi entro il 30 giugno scorso, così come le modifiche ai regolamenti condominiali nell'area per regolare l'asservimento a uso pubblico degli spazi condominiali - conclude il consigliere - . Tali inadempienze lasciano aperti i dubbi, già più volte espressi, circa i diritti di abitabilità in possesso dei condomini con possibile perdita di valore degli immobili stessi".

Simone Giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium