/ Curiosità

Curiosità | 12 aprile 2024, 10:22

Per essere più produttivi il caffè bisogna berlo a un orario ben preciso

Secondo uno studio, i lavoratori sono più produttivi ad una certa ora, mentre in un'altra parte il crollo

Per essere più produttivi il caffè bisogna berlo a un orario ben preciso

Attenzione, abbiamo sempre pensato che bere due, tre o addirittura quattro caffè al giorno fosse un buon modo per essere sempre svegli e operativi. Non serve a niente bere venti caffettini la mattina, serve prenderne uno mirato e strategico. Volete sapere quando? Suspense... Prima di tutto, sappiate che, secondo una ricerca condotta da Steven Miller della Geisel School of Medicine, bere il caffè come prima cosa al mattino può essere controproducente, perché nel tempo le persone tendono a sviluppare una sorta di resistenza alla caffeina, che quindi ad una certa ora non è più sufficiente per mantenerle vigili e attivi.

Miller ha spiegato che il meglio che possiamo fare (per quanto riguarda il caffè) è lasciare che il nostro ritmo circadiano ci svegli in autonomia, producendo e disperdendo naturalmente l’ormone cortisolo, che è quello che ci tiene operativi.

La produzione di cortisolo raggiunge il suo apice tra le 8 e le 9: la caffeina, dice lo studioso, a quest’ora non farà molto per noi, e prenderne una o due tazze sarà solo uno spreco. Altre fasce orarie della giornata in cui il nostro corpo è naturalmente vigile e pompato di sangue sono tra le 12 e le 13 e tra le 17:30 e le 18:30. E quindi, direte voi, quando dobbiamo prenderlo sto caffè?

Secondo un recente studio dell’agenzia Office Freedom, i lavoratori sono più produttivi alle 10:22, mentre alle 13:27 precise inizia il crollo. Ecco perché, per evitare di addormentarsi post pranzo, il caffè è meglio farselo proprio alle 13:27.

Il sondaggio, che ha coinvolto circa 2mila lavoratori, ha rivelato che bere caffè è uno dei tre modi che solitamente si usano per ottenere una sferzata di energia al lavoro: fondamentale anche farsi una passeggiata all’aperto e bere una tazza di tè. E ci voleva uno studio per scoprirlo?

Silvia Gullino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium