/ Economia

Economia | 17 maggio 2024, 09:54

Bonifica di terreni e falde acquifere: sfide e tecnologie

La bonifica dei terreni e delle falde acquifere rappresenta un tema cruciale per la protezione dell'ambiente e la salute pubblica.

Bonifica di terreni e falde acquifere: sfide e tecnologie

La bonifica dei terreni e delle falde acquifere rappresenta un tema cruciale per la protezione dell'ambiente e la salute pubblica. Questo processo consiste nella rimozione degli inquinanti presenti nel suolo e nelle acque sotterranee, al fine di ripristinare le condizioni naturali e garantire un ambiente sicuro per le generazioni future.

L'inquinamento dei terreni e delle falde acquifere è spesso causato da attività industriali, agricole e urbane. Le sostanze chimiche, come i pesticidi, i metalli pesanti e i composti organici volatili, possono penetrare nel suolo e contaminare le acque sotterranee. Inoltre, discariche abusive e sversamenti accidentali di sostanze pericolose contribuiscono significativamente al problema.

Esistono diverse tecniche di bonifica per affrontare l'inquinamento del suolo e delle falde acquifere. Tra le più comuni vi sono la bioremediation, che utilizza microorganismi per degradare gli inquinanti, e la fitoremediation, che impiega piante per assorbire e metabolizzare le sostanze tossiche. Altre metodologie includono il soil washing, che prevede il lavaggio del terreno con soluzioni chimiche, e il pump and treat, che consiste nel pompare l'acqua contaminata per trattarla fuori sito.

In Italia, la bonifica dei siti contaminati è regolamentata dal Decreto Legislativo 152/2006, noto come Testo Unico Ambientale. Questo decreto stabilisce i criteri e le procedure per la valutazione e la bonifica dei siti inquinati, nonché le responsabilità dei soggetti coinvolti. Le autorità competenti, come l'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e le Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA), svolgono un ruolo fondamentale nel monitoraggio e nell'applicazione delle normative.

La bonifica dei terreni e delle falde acquifere presenta numerose sfide, tra cui la complessità delle contaminazioni, la necessità di tecnologie avanzate e i costi elevati delle operazioni. Tuttavia, gli investimenti in ricerca e sviluppo stanno portando a soluzioni innovative e più efficienti. La collaborazione internazionale e l'adozione di pratiche sostenibili sono fondamentali per affrontare queste sfide e garantire un futuro più pulito.

Tecnologia disinquinante BioAksxter® in agricoltura

La gamma dei concimi biologici professionali BioAksxter® riproduce il processo di fertilizzazione naturale che avviene attraverso gli scambi di acqua-terra-pianta-aria fornendo energia utile a tutti i processi di trasformazione delle sostanze inquinanti. Questa tecnologia rappresenta un'innovazione, offrendo una soluzione all'inquinamento agricolo e ambientale. 

BioAksxter® è effettivamente sostenibile in quanto è capace di disinquinare e bonificare i terreni, le acque di superficie e di falda e purificare l’aria.

La tecnologia BioAksxter® chiude il circuito delle molecole contaminanti nell'ambiente, riportando le colture e il terreno in equilibrio. Abbassa la radioattività impedendo deformazioni e perdita delle difese naturali delle piante.

Gli inquinanti nel terreno si trasformano in strutture organiche assorbibili grazie all’innesco dei biodegradatori e lo sviluppo di microrganismi vergini. Con questa innovazione, l'agricoltura abbraccia un nuovo modo di operare, unendo praticità ed ecologia, spingendoci a considerare il nostro rapporto con la terra in modo più consapevole e responsabile.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium