/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 19 gennaio 2018, 16:30

Corregge a biro le date di rilascio e scadenza sulla patente: condannato a 3 mesi per falso

I carabinieri di Casteldelfino lo avevano fermato per un normale controllo nell’agosto 2015

Corregge a biro le date  di rilascio e scadenza sulla patente: condannato a 3 mesi per falso

Quando il 12 agosto 2015 una pattuglia lo aveva fermato per un normale controllo, al carabiniere della stazione di Casteldelfino che esaminò la patente venne qualche dubbio vedendo che i numeri delle date erano state ripassati a penna. Dal controllo nella banca dati risultò in effetti che il documento era scaduto.

Questa mattina il saluzzese A.G. è stato condannato dal tribunale di Cuneo per falso a 3 mesi di reclusione. Il giudice ha concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena perché l’imputato è incensurato. Il documento verrà distrutto.

La patente riportava corrette a biro le date di rilascio e di scadenza. In più erano stati applicati gli adesivi di rinnovo e di cambio residenza contraffatti, riprodotti utilizzando una stampante a getto d’inchiostro su carta di tipo comune, e non con stampa litografica. Il perito che esaminò il documento ha spiegato che la patente ancora del tipo cartaceo, sebbene (come ha rilevato lo stesso giudice) si notasse clamorosamente che fosse stata falsificata, avrebbe comunque potuto essere genuina. Può capitare, infatti, che in sede di emissione, in caso di errore materiale, il funzionario possa correggere a mano l’errore. In questa circostanza, però, la modifica deve essere ratifica con l’apposizione del timbro dell’autorità emittente.

La difesa aveva chiesto l’assoluzione. L’imputato infatti non aveva nessun motivo di falsificare il documento perché non c’era alcun impedimento di tipo legale per il suo rinnovo, e poteva ignorare il ritocco delle date, che potevano essere state apposte in sede di emissione.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium