/ Economia

Economia | 26 marzo 2019, 16:37

In crisi il settore dell'auto in Italia: l'appello dei rivenditori d'auto d'occasione, che contestano l'ecotassa (VIDEO)

Il senatore Marco Perosino ha raccolto l'appello dell'associazione Airvo e lo ha rilanciato a livello nazionale con un convegno organizzato oggi nei locali del Senato (FOTO E VIDEO)

In crisi il settore dell'auto in Italia: l'appello dei rivenditori d'auto d'occasione, che contestano l'ecotassa (VIDEO)

"Il mercato dell'auto in Italia è in forte crisi": a lanciare l'allarme sono i rivenditori di veicoli d'occasione, attraverso la loro associazione di categoria, l'Airvo. E il loro appello, partito proprio dal territorio piemontese (l'associazione ha sede a Torino), è stato prontamente raccolto dal senatore cuneese Marco Perosino, che lo ha rilanciato a livello nazionale con un convegno organizzato oggi nei locali del Senato.

Il principale problema messo in luce dal presidente dell'Airvo, Ercole Messina, e dal segretario generale, Salvatore Gravina, riguarda le recenti iniziative del governo, a partire dalla cosiddetta ecotassa, che "sta provocando duri contraccolpi in Italia. A pagarne le conseguenze sono già gli operatori e le famiglie, che subiscono impassibili uno scenario di recessione che indubbiamente avrà riflessi anche in Europa". Proprio per limitare gli impatti economici negativi sul comparto, il senatore Perosino propone dunque al governo l'istituzione di "un piano quinquennale di sviluppo industriale, per dare respiro e incentivi", con l'obiettivo di accelerare il rinnovo del parco auto italiano.

Accanto alla normativa ambientale, però, a mettere in difficoltà i rivenditori sono anche le leggi che riguardano la tutela del consumatore: "Serve la definizione di uno standard nazionale, di un metodo scientifico – prosegue Perosino – per calcolare la vita residua del veicolo e certificare le informazioni, a tutela di chi compra e di chi vende e per prevenire i contenziosi".

La soluzione si trova in una ricerca portata avanti dal Politecnico di Torino, coordinato dal professor Maurizio Galetto che, su impulso dell'azienda del settore Mo.Vi, ha elaborato un innovativo algoritmo, il cosiddetto Pdr. Si tratta di un motore di calcolo che permette appunto di valutare sulla base di parametri oggettivi la vita residua di un'auto usata, il cui sviluppo e implementazione, appena avviata, proseguirà nel corso del prossimo biennio.

 

Fabrizio Corgnati

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium