/ Fossanese

Fossanese | 06 aprile 2019, 12:51

A Fossano torna il progetto "Bimbovisione"

Iniziativa dell'Assopto Federottica Cuneo per diffondere la cultura del "vedere bene per apprendere meglio". Coinvolti una sessantina tra genitori ed insegnanti dei due Istituti comprensivi della città

A Fossano torna il progetto "Bimbovisione"

Come ormai tradizione da alcuni anni, anche per il 2019 è stata organizzata a Fossano l'iniziativa del progetto "Bimbovisione: vedere bene per apprendere meglio" organizzato e curato a livello nazionale dall'Assopto Cuneo per conto di Federottica, l'Associazione Italiana degli Ottici Optometristi e dedicato agli alunni della Scuola Primaria (Elementari) e dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia (Asilo).

Questa volta sono state coinvolte nell'iniziativa le famiglie e le insegnanti dell'Istituto Comprensivo Fossano A e dell'Istituto Comprensivo Fossano B con una conferenza che ha coinvolto una sessantina di partecipanti (soprattutto mamme) presso la sala Brut e Bon di piazza Dompè, messa gentilmente a disposizione dal Comune di Fossano.

Per conto dell'Assopto Federottica Cuneo l'evento è stato coordinato da Bruno Maestrelli, presidente provinciale degli Ottici Optometristi, e curato dallo stesso ottico fossanese insieme ai colleghi Arianna Gallo di Fossano, Cristina Toffoli di Cuneo e Claudio Bottaro di Verzuolo, che hanno presentato numerosi interventi durante l'incontro.

In primis, i relatori hanno spiegato l'intento del progetto <Bimbovisione>, che è un servizio informativo offerto gratuitamente alle famiglie e alle scuole dagli Ottici Optometristi allo scopo di contribuire alla prevenzione ed al benessere visivo dei bambini.

Il progetto è nato circa 20 anni fa come  ” Educazione alla visione” e dal 2009 è stato ribattezzato <Bimbovisione> ed è gestito, a livello nazionale,da un gruppo di lavoro tutto cuneese, quello dell’Assopto Federottica Cuneo.

L'iniziativa nel 2019 raggiunge il suo 11° anno di attività (2009-2019) ed è andata via via crescendo con quasi un migliaio di conferenze organizzate a livello nazionale, promosse in 14 Regioni ed oltre 40 Province, con il coinvolgimento di circa 25 mila genitori ed oltre 6 mila insegnanti.

Inoltre, sono stati promossi numerosi corsi abilitanti per gli Ottici Optometristi che si impegnano a tenere le conferenze sul territorio.

Durante l'incontro, Cristina Toffoli Arianna Gallo e Bruno Maestrelli hanno fatto capire ai genitori e alle insegnanti come un’efficace igiene visiva facilita nei bambini l’apprendimento ed il rendimento, perchè la visione (che è concetto diverso dalla vista), incide su tutte le attività della persona. La finalità è rendere consapevoli insegnanti e genitori che una scorretta postura dei bambini nel banco scolastico o comunque durante lo studio a casa così come una sbagliata impugnatura delle penna o della matita ed anche un ambiente visivo scolastico (o della stanza dove si studia e si fanno i compiti a casa) producono nel bambino un alto consumo di energie. Questo causa un’inefficienza visiva e, di conseguenza, porta ad un calo dell’apprendimento e del rendimento scolastico.

Invece, una postura corretta permette al bambino un passaggio armonico dalla condizione statica (visione per lontano) a quella dinamica (visione da vicino), creando una condizione più adeguata, senza fargli disperdere energie.

Inoltre, sono stati sottolineati i principali e più comuni problemi visivi dei bambini, come essi si manifestano e quali difficoltà causano alle attività scolastiche e di studio, soprattutto durante la lettura e la scrittura.

Tra i principali consigli dati alle famiglie quello di utilizzare un piano inclinato sia per leggere che per scrivere, quello di curare nei bambini una corretta impugnatura della penna e della matita a circa 3cm dalla punta, quello di studiare o fare i compiti con la luce naturale o comunque di illuminare bene la stanza e poi ancora sul corretto uso di dispositivi multimediali di studio come il computer, l’ I-Pad e la lavagna luminosa, che vanno usati alla giusta distanza.

Al termine della conferenza è stato fatto omaggio ai partecipanti di materiale didattico dedicato ai bambini: un leggio con funzione di piano inclinato, una pen-grip per la corretta impugnatura della penna, opuscoli sul corretto approccio all’attività di lettura e scrittura ed esercizi per provare la propria efficenza visiva.

L'Assopto Cuneo ringrazia i partecipanti, le dirigenti e le insegnanti dei 2 istituti comprensivi fossanesi coinvolti, in particolare le insegnanti Dodi Rattalino del Comprensivo Fossano B e Giulia Bergesio del Comprensivo Fossano A.

Il progetto <Bimbovisione> viene offerto a titolo completamente gratuito da parte dell’Albo degli Ottici Optometristi ed è aperto all’adesione di altre scuole interessate per il corrente e, soprattutto, per il prossimo anno scolastico.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium