/ Cronaca

Cronaca | 16 aprile 2020, 07:42

Capriolo incastrato in un cancello a Manta: salvato da vigili del fuoco e veterinari ASL

E' successo ieri mattina, mercoledì 15 aprile. L'animale è stato sedato e liberato nei boschi della collina mantese, al sicuro da auto ed animali domestici. Meno fortunata una femmina di capriolo, attaccata da uno o più cani nella stessa zona ed a pochi minuti di distanza, morta per le ferite ed il forte stato di shock

Trasporto del capriolo

Trasporto del capriolo

 

Brutta avventura ieri mattina, mercoledì 15 aprile, per un maschio di capriolo rimasto incastrato tra le sbarre di un cancello a Manta. I proprietari dell’abitazione, ai piedi della collina, hanno allertato prontamente i soccorsi ed in pochi minuti una squadra dei Vigili del Fuoco di Saluzzo è intervenuta liberando il povero animale terrorizzato.

Sul posto sono giunti anche i veterinari dell’ASL CN1 che, dopo aver sedato e visitato l’ungulato, hanno deciso di rilasciarlo in natura, provvedendo loro stessi al trasporto e alla successiva liberazione nei boschi della collina mantese, al sicuro da auto ed animali domestici.

“Il capriolo - spiega Andrea Avagnina, uno dei veterinari intervenuti - è una specie particolarmente sensibile allo stress e purtroppo molte delle vittime di un qualche tipo di incidente muoiono per una patologia denominata miopatia da cattura che spesso produce sull’animale danni più gravi di quelli causati dalle lesioni traumatiche. Per questo motivo, se il paziente non ha riportato danni fisici rilevanti, è suggeribile sedare l’animale e trasportarlo al più presto in una zona sicura per poterlo rilasciare non appena smaltito l’effetto del farmaco”.

E così, a poco più di un’ora dall’evento, il capriolo ha recuperato la sua libertà.

Purtroppo meno fortunata è stata una femmina, sempre di capriolo, attaccata da uno o più cani nella stessa zona ed a pochi minuti di distanza: anche in questo caso i veterinari ASL sono tempestivamente intervenuti, optando per un ricovero al Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo, viste le gravi ferite riportate durante l’attacco.

Pochi minuti dopo il ricovero, l’animale moriva per le ferite ed il forte stato di shock.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium