/ Economia

Economia | 01 agosto 2020, 18:45

Distretti a due velocità: a inizio 2020 bene Ict, spazio e agroalimentare, male moda e meccanica

Le proiezioni per il secondo trimestre 2020 fanno pensare ad una contrazione ancora marcata delle esportazioni. Testa: "Momento delicato, ci andrà tempo per recuperare"

Immagine generica

Immagine generica

Mesi complicati, anche per chi ha una vocazione eccellente. Alti e bassi, infatti, per i distretti piemontesi e i poli tecnologici della nostra regione, come conferma il Monitor di Intesa Sanpaolo. 

I due poli tecnologici chiudono il trimestre con un bilancio positivo: export in aumento di 34 milioni di euro (+9,3%), a cui il Polo ICT di Torino ha contribuito con un +19,1%, corrispondente a 29 milioni di euro, mentre il Polo aerospaziale del Piemonte con un +2,1%, pari a 4 milioni di euro. Significativi i risultati dei distretti agro-alimentari, già in forte crescita nel 2019, che hanno registrato un incremento delle esportazioni dell’11%.

Gli altri distretti industriali piemontesi nel primo trimestre 2020 hanno iniziato ad accusare gli effetti della pandemia, con arretramenti significativi per i distretti specializzati nella meccanica che hanno subito i cali più marcati (-18,7%), e il sistema moda (-20,9%).

Le proiezioni per il secondo trimestre 2020 fanno pensare ad una contrazione ancora più marcata delle esportazioni, non solo per i distretti piemontesi, ma per l’economia italiana nel suo insieme.  Le prime indicazioni disponibili per maggio e giugno segnalano invece un rimbalzo dei livelli di attività, in seguito alla riapertura delle attività produttive e commerciali.

È un momento delicato e ci vorrà del tempo per recuperare quanto perso, soprattutto nei settori specializzati in beni d’investimento e durevoli - commenta Teresio Testa, Responsabile della Direzione regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria -. Ci sono però anche nuove prospettive di mercato da cogliere e ci sono in questa Regione le capacità per farlo. Mi riferisco all’economia green, per la quale abbiamo messo a disposizione 50 miliardi di finanziamenti specifici.

Dobbiamo investire nell’ambiente e nel turismo, settore al quale offriamo dilazioni di pagamento fino a 36 mesi. Siamo pronti per acquisire il credito d’imposta per Ecobonus e Sismabonus: un’ottima opportunità per rinnovare il nostro patrimonio immobiliare e far ripartire il settore edile.

In questi anni abbiamo avviato un sistema per il supporto all’innovazione tecnologica e alle start-up che passa anche attraverso il nostro Innovation Center di Torino e che rafforzeremo con una sempre più efficace collaborazione con Università e centri di ricerca.

Nei primi sei mesi le richieste di finanziamenti delle pmi per 2 miliardi di euro, che da noi hanno avuto risposta positiva, sono un indicatore di un’economia in movimento.

Fondamentale preservare la catena di valore delle filiere: abbiamo moltiplicato gli sforzi per coinvolgere sempre più aziende capo-filiera che possano garantire con la loro solidità un accesso al credito facilitato alle realtà minori ad esse collegate”.

Massimiliano Sciullo (www.torinoggi.it)

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium