/ Attualità

Attualità | 23 febbraio 2021, 13:02

Mondovì, "Regione o Comune: l’assessore Robaldo faccia una scelta di coerenza"

I coordinatori cittadini di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia aprono una discussione sulla duplice funzione di Robaldo, impegnato come assessore in comune e come capo segreteria in regione

Mondovì, "Regione o Comune: l’assessore Robaldo faccia una scelta di coerenza"

Le forze cittadine del centro destra Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia aprono una discussione sulla figura di Luca Robaldo, assessore del comune di Mondovì e capo segreteria del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio.

"La politica di oggi ci ha ormai abituati ad avere poco o nulla di lineare e di coerente. Mondovì non fa eccezione: teatro di alchimie politiche sorprendenti, spesso un laboratorio in cui si sperimenta quanto dettato dall’egemonia politica di alcuni. A conferma di ciò,  da quasi un anno in Comune si assiste ad una situazione che non si può non definire anomala" - scrivono i coordinatori Diego Boetti (Lega), Claudio Sarotto (FdI) e Giampiero Caramello (FI) - "Luca Robaldo, capace collaboratore del politico locale, viene prima nominato Assessore dell’amministrazione comunale monregalese sostenuta da una parte dalla sinistra locale, mentre i rappresentanti del centrodestra sono all’opposizione. Poi - da circa un anno appunto – l’Assessore viene anche inserito a capo della segreteria del Presidente della Regione Piemonte, che governa grazie ad una coalizione composta da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia. Due nomine che oltre al merito dipendono evidentemente da logiche politiche. Una situazione di palese incompatibilità politica – Assessore in una coalizione che vede il centrodestra all’opposizione, ma con un ruolo importante nella Regione governata dal centrodestra - dove continuare a ‘navigare’ con i piedi in due scarpe mantenendo entrambi i ruoli non è certo espressione di coerenza ma forse più di opportunismo". 

I rappresentanti di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia aggiungono: "Era giusto attendere prima di evidenziare questo paradosso. Le circostanze, all’indomani della nomina in Regione, facevano pensare a imminenti sue dimissioni da Assessore, tanto più per la sostanziale impossibilità di coesistere con un ruolo che lo impegna a Torino tutta la settimana, rendendo certamente difficile garantire alla Città la presenza necessaria. Riconoscendo a Luca Robaldo una sincera passione politica, auspichiamo che sappia compiere - senza tergiversare - una scelta a favore dell’uno o dell’altro ruolo, così da fare non solo chiarezza sulla propria posizione politica, assicurando alla nostra Città un assessore a tempo pieno, ma anche evitando di offuscare irrimediabilmente la sua coerenza dinanzi alla comunità monregalese".

AP

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium