/ Politica

Politica | 13 gennaio 2023, 07:19

Congresso Pd: Gribaudo, Marello e Manassero per Elly Schlein

I big del partito cuneese orientati diversamente rispetto ad un’ampia porzione del Piemonte dove Bonaccini sembra avere più consensi. Evita di schierarsi il segretario provinciale, Calderoni, espresso unitariamente un anno fa alla guida del partito in provincia

Congresso Pd: Gribaudo, Marello e Manassero per Elly Schlein

La direzione nazionale del Partito Democratico ha raggiunto un accordo-compromesso sulle regole delle primarie.

A diversità di quanto appariva alla vigilia, sarà consentito anche il voto online, seppur limitatamente ad alcune situazioni particolari: per chi vive all'estero, per i disabili e malati che "autocertifichino tali condizioni", per persone "residenti in località la cui distanza dai seggi renda particolarmente difficoltoso l’esercizio del voto".

Confermata la data delle primarie, che si svolgeranno domenica 26 febbraio.

Quattro i candidati in corsa per la segreteria nazionale, Stefano Bonaccini, Elly Schlein, Gianni Cuperlo e Paola De Micheli.

Nel Cuneese le tre personalità che hanno i più importanti incarichi a livello istituzionale si sono pronunciate a favore della Schlein.

Indicazioni in questo senso sono infatti giunte dalla deputata Chiara Gribaudo, dall’unico consigliere regionale Pd eletto in provincia di Cuneo, Maurizio Marello (ex sindaco di Alba) e dalla sindaca di Cuneo, Patrizia Manassero.

Ufficiosamente si sa che l’ex senatore Mino Taricco e il vicepresidente in pectore della Provincia e sindaco di Cavallermaggiore, Davide Sannazzaro paiono invece orientati su Bonaccini, così come altri iscritti con un passato nei Popolari e nella Margherita.

Contestualmente al segretario nazionale, in Piemonte sarà scelto anche il segretario regionale del partito, carica per la quale si è vociferato nei giorni scorsi della parlamentare cuneese Gribaudo.

Sembra tuttavia che al momento non ci sia un’intesa unitaria su chi dovrebbe sostituire il segretario piemontese uscente Paolo Furia.

In corsa ci sarebbero anche due torinesi, Daniele Valle e Stefano Lepri e il novarese Mimmo Rossi, che appoggiano il presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini.

Una situazione, dunque, ancora quanto mai magmatica in un partito che sta attraversando una delle fasi più difficili della sua storia.

In questo clima, chi si tiene prudentemente alla larga – essendo stato espresso unitariamente - è il segretario provinciale, Mauro Calderoni, sindaco di Saluzzo.

 

GpT

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium