/ Politica

Politica | 22 febbraio 2024, 20:00

Il lavoro in montagna come custode del patrimonio culturale e ambientale

Strategie per mantenere vive le tradizioni lavorative e promuovere lo sviluppo nelle zone montane. Una riflessione di Elisa Tarasco che ha aperto l’azienda agricola biologica “Essenza Monviso” a Pian della Regina di Crissolo in alte valle Po

Elisa Tarasco davanti al laboratorio della sua azienda agricola "Essenza Monviso" in località Pian della Regina a Crissolo

Elisa Tarasco davanti al laboratorio della sua azienda agricola "Essenza Monviso" in località Pian della Regina a Crissolo

Il valore delle professioni in montagna, dalle più tradizionali alle più attuali, evidenziano il ruolo cruciale nel preservare il patrimonio culturale e ambientale in un territorio in cui non è sempre facile poter lavorare.

Una riflessione di Elisa Tarasco che in montagna, nella località Pian della Regina di Crissolo, ha aperto a 1800 metri d'altitudine, l’azienda agricola biologica ‘Essenza Monviso’, in cui si occupa della coltivazione e trasformazione delle erbe officinali.

In che modo le professioni tradizionali della montagna possono essere valorizzate e preservate?

Sono dell’idea che si debba continuare sulla strada intrapresa dalla Regione Piemonte per incentivare le Botteghe dei Servizi, sostenendo la creazione di nuove imprese e attività multifunzionali per contrastare l’abbandono delle Terre Alte e per favorire il recupero dei piccoli borghi creando una grande opportunità, sia per i residenti che per i turisti.

È importante riconoscere le professioni della montagna quali presidi per la conservazione del suo patrimonio: maestri di sci, guide alpine e naturalistiche, gestori dei rifugi.

Queste persone rappresentano i custodi del territorio facendo in modo che sia preservato sotto tutti i punti di vista.

Si deve, a mio avviso, puntare sulla valorizzazione e mantenimento delle scuole di montagna, dei presidi sanitari e le strutture per l’assistenza agli anziani e alle categorie deboli, inoltre incentivare la realizzazione di piazzali per l’atterraggio degli elicotteri”.

Quali sono, secondo lei, le misure necessarie per migliorare l'accesso alle infrastrutture digitali e ai servizi essenziali nelle zone montane e interne?

È essenziale favorire lo sviluppo delle infrastrutture per la continuità dei servizi di telefonia mobile e delle connessioni digitali e garantire l’accesso a internet quale priorità per lo sviluppo socio-economico dei comuni montani.

Questo potrebbe permettere anche maggiori possibilità di telelavoro, evitando gli spostamenti giornalieri per raggiungere i luoghi in cui si è impiegati.

Importante anche un’ottimizzazione razionale dei sistemi pascolivi montani e della strategia forestale per un corretto sfruttamento delle risorse naturali.

Senza dimenticare il sostegno al turismo e alle attività legate all'accoglienza.

In che modo si può sostenere l'agricoltura nelle zone montane?

Il sostegno all’agricoltura, ai suoi prodotti e alle tipicità locali fanno sì che il territorio di origine risulti valorizzato.

I marchi di riconoscimento dei territori possono assumere un'importanza fondamentale per le zone marginali, sia di montagna che delle aree interne.

Informazione politico elettorale

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium