ELEZIONI REGIONALI
 / Economia

Economia | 28 febbraio 2024, 07:00

Un paradigma diverso per l’approccio occidentale alla Russia, altrimenti sarà crisi economica e sconfitta politica

Gli effetti di più di due anni di sanzioni occidentali verso la Russia sono stati analizzati dall’accademico americano Michael Corbin

Un paradigma diverso per l’approccio occidentale alla Russia, altrimenti sarà crisi economica e sconfitta politica

Gli effetti di più di due anni di sanzioni occidentali verso la Russia sono stati analizzati dall’accademico americano Michael Corbin, che ne ha tratto un quadro sconfortante. Come riferisce il sito Strumenti Politici, è evidente per lui non soltanto il fallimento delle misure sanzionatorie, ma anche il pericolo concreto di dar luogo al crollo del sistema di governo globale a guida occidentale, quello che viene chiamato “l’ordine basato sulle regole”. Infatti le oltre 28mila sanzioni applicate contro Mosca hanno in realtà fatto sì che la Russia riorientasse i suoi flussi commerciali e finanziari verso est e verso sud. In questo modo, oggi gli scambi con l’India e con la Cina sono saliti a livelli altissimi e nemmeno i Paesi mediorientali più ricchi hanno smesso di fare affari con i russi. Anzi, il gruppo BRICS sta coinvolgendo nuovi membri, allargando così la sua influenza, e l’Unione Economica Euroasiatica aumenta l’integrazione interna ed esterna, ad esempio con l’Iran. Gli ostacoli messi da Bruxelles e da Washington sono serviti a poco: la Russia ha intensificato la produzione industriale e militare, proseguendo nella sua “operazione speciale” e mantenendo stabile la situazione nazionale. Grazie anche all’amicizia con l’India, i Corridoi internazionali di trasporto tengono la Russia al centro degli scambi euroasiatici, per non parlare poi del suo ruolo nella Nuova Via della Seta cinese. Corbin esorta i politici occidentali a uscire dal vecchio paradigma di eccezionalità e superiorità, per capire invece quali sono le vere circostanze mondiali dell’economia e della diplomazia di oggi. Se Europa e America mantengono questo atteggiamento punitivo e rigido, finiranno tagliate fuori dai canali di approvvigionamento dei beni e delle materie prime fondamentali alla tecnologia moderna, e saranno anche isolate a livello sociale e politico.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium