ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 14 aprile 2024, 15:05

A Martiniana Po la mostra “Netu pittore degli angeli” dedicata a Giovanni Borgna

A 170 anni dalla nascita, Giovanni "Netu" Borgna, figura di spicco nel panorama artistico piemontese e ligure, viene ricordato nel suo paese natale. Sono esposte alcune sue opere e il suo tavolo di lavoro con i pennelli e i colori da lui utilizzati

A Martiniana Po la mostra “Netu pittore degli angeli” dedicata a Giovanni Borgna

Visitabile a Martiniana Po oggi, domenica 14 aprile fino alle 12 e poi nel pomeriggio dalle 16 alle 18 nella Confraternita dei disciplinati. in piazza Gauthier, la mostra “Netu pittore degli angeli” dedicata all’artista martinianese Giovanni “Netu” Borgna dall’omonima associazione con il patrocinio del Comune della valle Po.

A 170 anni dalla nascita il pittore originario di Martiniana Po e figura di spicco nel panorama artistico piemontese e ligure, viene omaggiato con una mostra inaugurata domenica scorsa 7 aprile durante con un evento in cui sono stati raccontati a vita del Borgna e la sua arte.

Sono esposte una raccolta di opere del maestro, alcune originali e altre in riproduzioni fotografiche.

I lavori di Borgna, prevalentemente affreschi su pareti e volte di chiese, cappelle, piloni e abitazioni, offrono un affascinante spaccato del suo talento e della sua devozione artistica.

Un'occasione per riscoprire un grande artista

Durante l’inaugurazione Nadia Barra, presidente dell’associazione “Giovanni Netu Borgna” ha dato il benvenuto ai numerosi presenti, tra cui il sindaco Valderico Berardo, il vice sindaco Bruno Berardo e il parroco don Remigio Luciano.

Tutti hanno sottolineato l'importanza di valorizzare l'eredità artistica di Borgna, figura di primaria importanza nel panorama artistico piemontese e ligure.

Davide Decostanzi, esperto studioso del pittore, ha approfondito la figura di Borgna, soffermandosi sul suo stile e sui suoi lavori. Decosatanzi è anche autore di una tesi di laurea in architettura incentrata su un progetto di recupero della tomba di famiglia del pittore.

La giornata è stata arricchita da un momento musicale con Irene Ghione al flauto traverso, Gaia Abaclat al violoncello ed Elia Carletto all'harmonium.

Un'ulteriore sorpresa è stata la presentazione di due opere originali: un ritratto di uomo firmato da Giovanni Borgna e un ritratto di donna dipinto dalla sorella Rosa. I due quadri, recentemente ritrovati, sono stati acquistati e concessi in uso all'associazione grazie al contributo di un gruppo di imprenditori.

Ma la vera chicca della mostra è sicuramente il mobile-tavolino utilizzato da Netu e dalla sorella Rosa per la preparazione dei colori. Ancora oggi conserva i loro pennelli, le tavolozze, le ciotole per le miscele, i quaderni e altri piccoli oggetti.

Un cimelio di inestimabile valore che la pronipote di Borgna, Elena Motta, , ha donato all'associazione.

I ricordi e gli aneddoti di famiglia, da lei raccontati durante l'evento, hanno offerto ai presenti un'ulteriore chiave di lettura per comprendere la vita e l'opera di Netu Borgna.

La mostra "Netu pittore degli angeli" è visitabile fino al 28 aprile, il sabato dalle 16 alle 18 e la domenica dalle 9,30 alle 12 e dalle 16 alle 18.

Ingresso libero.

AMP

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium