ELEZIONI REGIONALI
 / Economia

Economia | 20 aprile 2017, 10:40

Ciclismo resoconto e numeri delle gare primaverili

Così come tutti gli sport outdoor anche il ciclismo trae il suo massimo beneficio con l’approssimarsi della bella stagione.

Ciclismo resoconto e numeri delle gare primaverili

Così come tutti gli sport outdoor anche il ciclismo trae il suo massimo beneficio con l’approssimarsi della bella stagione. Tuttavia, visto l’estremo impegno di questa disciplina, col tempo sono state codificate delle manifestazioni sportive che oltre agli aspetti meteorologici tengono conto anche delle latitudini. In un paese mediamente caldo come l’Italia l’omonimo Giro si svolge prevalentemente a maggio, mentre si preferisce luglio per il Tour de France e seconda metà di agosto – settembre per La Vuelta.

Già dall’inizio della primavera le manifestazioni ciclistiche si susseguono anche se durate e distanze non hanno il respiro delle grandi manifestazioni estive. In primavera il meteo è sempre imprevedibile e gli atleti, dopo la pausa invernale, hanno bisogno di tempo per raggiungere la forma ottimale.

Il Giro delle Fiandre è una classica primaverile che da diversi anni entusiasma gli appassionati e può essere definita come la prima grande classica della stagione ciclistica. Quest’anno la manifestazione si è svolta il giorno di Pasqua e la vittoria è andata all’olandese Mathieu van der Poel nipote d’arte, per così dire, di Raymond Poulidor, celebre atleta degli anni ’60. L’olandese aveva già regolato i conti con gli avversari a 40 km dall’arrivo andando poi a vincere in solitaria. Alle spalle di MVDP si sono piazzati il nostro Luca Mozzato che ha bruciato allo sprint il terzo classificato Michael Matthews (Team Jayco AlUla).

Ci spostiamo in Italia per un’altra classica primaverile giunta alla sua 35a edizione: il Giro d’Abruzzo. Svoltasi in 4 tappe tra il 9 e il 12 aprile il Giro d’Abruzzo ha coronato con la classica maglia azzurra il kazako Aleksej Aleksandrovič Lucenko, seguito dal russo naturalizzato francese Pavel Sivakov a 31” e dall’israeliano George Bennett a 34”. Primo degli italiani Diego Ulissi a 1’31”. La vittoria a squadre è andata alla UAE Team Emirates.

Mentre scriviamo è in pieno svolgimento il Tour Of The Alps. Il TotA è una gara a tappe intereuropea che ha preso il via lunedì 15 aprile con la tappa da Egna a Cortina: 133 km di strada meravigliosa tra vigneti e picchi ancora innevati. La vittoria è andata al norvegese Tobias Foss. Nella seconda tappa, di 190,7 km tra Salorno e Stans svoltasi ieri 16 aprile, si è affermato il trentasettenne friulano del Team Jayco-AlUla Alessandro De Marchi. La caratteristica maglia verde, con un chiaro riferimento alle mele del Trentino-Alto Adige, è però ancora sulle spalle del norvegese Tobias Foss. La terza tappa, 124,8 Km con partenza e arrivo a Schwaz, non ha ancora un vincitore così come la quarta che si svolgerà l’ultimo giorno della manifestazione. A questo proposito le scommesse dopo le prime due tappe, attribuiscono buone chance di vittoria all’attuale detentore della maglia verde il norvegese Tobias Foss.

Non si può non citare, infine, una classica delle Ardenne che si è svolta proprio oggi 17 aprile, la celebre Freccia Vallone, andata al 27enne britannico Stephen Williams scattato a 250 metri dal traguardo. Primo degli italiani è Davide Formiolo, giunto appena 24°.  

 

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium