/ Solidarietà

Solidarietà | 18 giugno 2024, 17:04

Fondi Pnrr e disabilità, venerdì l'inaugurazione di tre nuovi alloggi presso il Villaggio “La Via”

La struttura di San Rocco Castagnaretta è stata oggetto di un progetto legato all'autonomia del Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese

Fondi Pnrr e disabilità, venerdì l'inaugurazione di tre nuovi alloggi presso il Villaggio “La Via”

Venerdì 21 giugno alle ore 17, presso il villaggio “La Via” di San Rocco Castagnaretta (Via Del Mulino n. 45), si terrà l’inaugurazione dei tre alloggi che ospitano i beneficiari del progetto del Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, finanziato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

In tre alloggi presso il villaggio “La Via” di San Rocco Castagnaretta (Cuneo) sono ospitati 6 ragazze e 3 ragazzi che hanno aderito al progetto finalizzato a sperimentare nuovi modelli di autonomia per le persone con disabilità. L’obiettivo di fondo del percorso è condurre all’autonomia e offrire opportunità di accesso nel mondo del lavoro a persone con disabilità che, senza un adeguato supporto, resterebbero nelle famiglie di origine o in strutture di accoglienza.

Il progetto arriverà a comprendere 12 beneficiari entro marzo 2026. Il CSAC ha avviato il progetto nell’autunno 2022, dopo la sottoscrizione della convenzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La prima fase ha riguardato l’individuazione e la presa in carico di 9 persone da parte di una articolata équipe; tra dicembre ‘23 e gennaio ’24 queste persone sono state inserite negli appartamenti che il Consorzio ha affittato presso il villaggio La Via. È così cominciata la terza fase del progetto, quella dell’inserimento lavorativo attraverso programmi formativi personalizzati. Gli alloggi presso La via, che sono stati allestiti grazie a una parte dei fondi che la Fondazione CRC nel 2023 ha deliberato a favore del progetto - rappresentano una fase transitoria dal momento che la destinazione identificata per la realizzazione del progetto è l’l’immobile denominato ex Casa del fascio femminile (via B. Bruni angolo via F. Cavallotti). Di proprietà del Comune di Cuneo, è stato dato in comodato al Consorzio per 10 anni, e, con la collaborazione di ATC Piemonte Sud, dovrà essere sottoposto a lavori di riqualificazione che renderanno possibile la permanenza di 12 ospiti. Sia la dimensione dell’accompagnamento, sia quella “infrastrutturale” fanno parte del progetto finanziato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, per un totale di 715.000 euro.

L’inaugurazione di oggi dei tre appartamenti è simbolica, perché le nove persone fino ad ora coinvolte nel progetto vivono già qui da qualche mese e stanno facendo un percorso molto significativo – commentano il Presidente del Consorzio Giancarlo Arneodo e il Direttore Giulia Manassero. Ringraziamo la cooperativa La Via per averci permesso di affittare questi tre appartamenti, che si trovano in un contesto protetto, circondati da vicini di casa attenti e CONSORZIO SOCIO-ASSISTENZIALE DEL CUNEESE 2 sensibili, e sono quindi ideali come palestra per sperimentare la vita insieme e in autonomia, in vista del trasferimento alla ex Casa del fascio femminile. Siamo molto soddisfatti del lavoro che l’equipe multiprofessionale, composta da operatori delle cooperative Proposta 80, Valdocco e Insieme a voi, sta facendo con le ragazze e i ragazzi coinvolti ad oggi sul progetto, che stanno dimostrando insieme alle loro famiglie un grande entusiasmo per questo nuovo percorso di vita. Proseguiamo inoltre con impegno il percorso verso la ristrutturazione della ex Casa del fascio femminile, che il Comune di Cuneo ci ha concesso in comodato, e ringraziamo ATC Piemonte Sud per la collaborazione in corso per la realizzazione dei lavori: confidiamo di poter effettuare il trasloco in centro città nell’estate 2025 e nel frattempo proseguiamo l’azione di fundraising per convogliare attorno al progetto tutte le risorse possibili. In questo senso, siamo molto lieti di aver ottenuto dalla Compagnia di San Paolo un importante contributo, pari a 135.000 euro, che sono stati assegnati al Comune e al Consorzio per azioni di welfare comunitario che favoriranno la permanenza dei nostri ragazzi nel contesto di quartiere, rendendo l’immobile un polo di attività comunitarie, di socializzazione e di cultura dell’inclusione”.

Così la Sindaca di Cuneo Patrizia Manassero: “È un bel segnale l’apertura di questa nuova possibilità abitativa per altre persone che stanno facendo un bel cammino di crescita. Il Consorzio sta investendo molto nei percorsi di accompagnamento all’autonomia ed è indubitabilmente la strada vincente per le persone stesse e per le loro famiglie. Ex-Casa del Fascio sarà un altro tassello importante del progetto autonomia; riempire di vita un edificio dismesso nel quartiere di Cuneo centro darà certamente un contributo ulteriore, a beneficio di quella porzione di città. Ringrazio quindi tutti coloro che stanno rendendo possibile questo percorso, a partire dal CSAC, i finanziatori, gli educatori, i vicini di casa di via Del Mulino. Il mio auspicio è che le persone coinvolte nel progetto possano trovare sempre un tessuto cittadino premuroso e consapevole”. 

c.s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di Targatocn.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium