/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 27 marzo 2014, 10:24

Nei Comuni con meno di 3.000 abitanti il sindaco potrà governare per un terzo mandato consecutivo. Delrio spariglia le carte e rimette tutti in gioco

L'opportunità di ricandidarsi una terza volta varrà però solo per questa legislatura. Lievita anche, rispetto alle attese, il numero dei consiglieri comunali: saranno 10 (7+3) più il sindaco

Nei Comuni con meno di 3.000 abitanti il sindaco potrà governare per un terzo mandato consecutivo. Delrio spariglia le carte e rimette tutti in gioco

Molti sindaci dei piccoli comuni della Granda, quelli con meno di 3mila abitanti ed attesi dal turno elettorale del prossimo 25 maggio, avevano probabilmente già fatto le valige, pronti a lasciare il posto ai nuovi eletti.
L'avvenuta approvazione ieri sera, con la fiducia incassata dal Governo Renzi, del cosiddetto decreto Delrio, il nome del sottosegretario cui è legato il provvedimento, "costringerà" piacevolmente forse molti di loro a  disfarle quelle valige, almeno se il nuovo disegno legge di Delrio rimarrà immutato nel successivo passaggio a Montecitorio per la necessaria approvazione della Camera dei deputati (e le avvisaglie che tutto questo avvenga sono molto, molto concrete).

Perché se questo avvenisse, in tutti i Comuni con meno di 3mila abitanti il sindaco uscente potrebbe ricandidarsi per un clamoroso (pur se atteso) terzo mandato consecutivo. Stando così le cose, per molte liste sarebbe tutto da rifare, e i nomi dei "vecchi" sindaci - taluni dei quali avevano già individuato il delfino di fiducia cui passare il testimone, altri tutt'ora in ambasce alla ricerca di un degno sostituto - potrebbero tornare prepotentemente in campo. Mettendo nei guai, con il peso specifico che 10 anni di governo di un paese si porta comunque appresso a mo' di valore aggiunto, forse prim'ancora gli alleati che non gli avversari. Il terzo mandato (che avrebbe validità  soltanto per questa legislatura) non sarebbe l'unica novità per i comuni che andranno al voto. Nelle realtà fino a tre mila abitanti saranno infatti eletti dieci consiglieri comunali e il neo sindaco potrà nominare due assessori, mentre in quei paesi che hanno una popolazione che va da 3 a 10mila si avranno invece 12 consiglieri comunali e 4 assessori. Viene poi introdotto l’obbligo, ma in questo caso solo nei Comuni con popolazione superiore a 3 mila abitanti, di assicurare la parità di genere.

S.O.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium