/ Cronaca

Cronaca | 15 febbraio 2019, 11:03

Minacciava coetanei per farsi dare del denaro, fermato dai carabinieri minorenne nel saluzzese

Le unità cinofile attive negli istituti saluzzesi hanno scoperto tre minorenni in possesso di piccole dosi di marijuana

Minacciava coetanei per farsi dare del denaro, fermato dai carabinieri minorenne nel saluzzese

Dal mese di ottobre sono stati predisposti numerosi servizi in prossimità e all’interno di vari istituti scolastici di Saluzzo, Verzuolo e Barge, e presso i principali scali degli autobus che trasportano gli studenti. Questo insieme alle unità cinofile dei Carabinieri di Volpiano e della Polizia Penitenziaria di Asti, intervenuti per eseguire la ricerca di stupefacenti all’interno delle scuole interessate.

In diversi istituti il fiuto dei cani ha consentito di rinvenire alcune dosi di stupefacente abbandonate in aree comuni o all’interno delle classi e di sorprendere tre studenti di età minore in possesso di piccole quantità di marijuana.

"Ancora una volta è stato determinante e prezioso il contributo dei Dirigenti Scolastici e dei docenti che hanno segnalato tempestivamente ai Carabinieri i casi sospetti." - si legge nella nota dei carabinieri - "In tale contesto si inserisce anche l’attività di prossimità dei militari della Compagnia di Saluzzo che, con la loro costante presenza sul territorio ed i ripetuti contatti con le realtà scolastiche e associative, sono stati in grado di individuare tempestivamente alcune condotte devianti in contesti scolastici del Comune di Saluzzo."

Il primo caso è quello di un ragazzo che, mediante minacce inviate tramite WhatsApp, aveva preteso da alcuni suoi compagni di classe piccole somme di denaro, ricorrendo in un’occasione addirittura all’aggressione fisica.

I fatti sono stati portati all’attenzione dei Carabinieri anche grazie all’efficace interazione tra scuola e famiglie.  Il ragazzino è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Torino con l’accusa di estorsione tentata.

Analoga sorte è toccata ad altri due ragazzi minorenni, frequentatori di istituti scolastici di Saluzzo, i quali sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di furto aggravato. Le indagini dei militari hanno infatti consentito di accertare che i due giovani, in più occasioni, si erano impossessati di somme di denaro appartenenti ad alcuni loro compagni di classe e in una circostanza risalente all’inizio del mese di febbraio, uno degli indagati aveva sottratto una consistente somma di denaro contante dall’interno di un oratorio del luogo.  

"I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane"
- conclude la nota dei militari - "e saranno integrati dai consueti incontri con gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, nell’ambito della campagna denominata 'Cultura della legalità'".

comunicato stampa

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium