/ Cronaca

Cronaca | 14 aprile 2014, 07:59

Farsi trovare dai soccorsi sarà più semplice: attiva anche al 118 di Cuneo "FlagMii"

E’ una delle ultime novità tecnologiche e gratuite in campo di localizzazione in caso di emergenze. E da qualche settimana è operativo anche presso il 118 provinciale

La schermata che appare utilizzando Flagmii

La schermata che appare utilizzando Flagmii

Si chiama FlagMii ed è una delle ultime novità tecnologiche in campo di localizzazione in caso di emergenze. E da qualche settimana a questa parte il servizio, ideato, realizzato e gestito dalla Società Regola è operativo anche presso la Centrale operativa del 118 provinciale.

Si tratta di un’applicazione, ormai disponibile gratuitamente su quasi tutti gli smartphone, in grado di migliorare – in caso di necessità – la chiamata di soccorso al servizio di Emergenza Sanitaria Territoriale del 118. Una volta scaricata sul proprio telefono l’applicazione, l’utente dovrà inserire (all’atto della registrazione) i propri dati anagrafici. Tutto il resto lo farà tutto FlagMii.

In che modo? In caso di chiamata al 118, l’applicazione provvederà ad inviare all’operatore presso la Centrale Operativa non solo i dati anagrafici dell’utente, ma anche le coordinate di geolocalizzazione individuati da FlagMii.

Contemporaneamente alla telefonata tradizionale, l’applicazione recupera tutte le informazioni di localizzazione GPS disponibili e le invia alla Centrale Operativa coinvolta, legandole alla chiamata in corso. In questo modo l’operatore di soccorso riceve nel minore tempo possibile i principali dati utili al posizionamento dell’emergenza e può valutare da subito le necessità di intervento. Nel momento della chiamata – infatti – sulla mappa nel computer dell’infermiere che risponde dalla Centrale 118 verrà localizzato l’utente.

Ovviamente, i dati trasmessi da FlagMii (seppur di grande aiuto per gli operatori sanitari) sono solo di ausilio alla localizzazione dell’utente e dovranno essere accuratamente verificati così come ad essere verificata dovrà essere l’eventuale distanza di colui che effettua la chiamata rispetto al luogo dove si trova il soggetto da soccorrere.

Allo stesso tempo va ricordato che la geolocalizzazione tramite questa applicazione va di pari passo con la copertura del segnale.

La società Regola, ideatrice di questa grande novità in campo di trattamento informatizzato delle emergenze mediche, vanta un’esperienza quasi ventennale e collabora da tempo con numerose Centrali Operative 118 italiane e realizza piattaforme di gestione dell'emergenza anche a livello internazionale (ha supportato le attività di soccorso durante le Olimpiadi Invernali di Torino 2006).
Un’applicazione che piò risultare davvero utile e che (dal momento che è a “costo zero”), è assolutamente da installare su ogni smartphone.

N.B.

MoreVideo: le immagini della giornata

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium